Terra dei fuochi: dove lo Stato non vede, la gente muore

terra dei fuochiIl termine Terra dei fuochi è stato utilizzato per la prima volta da Legambiente nel rapporto ecomafia del 2003. Le province coinvolte sono quelle tra Napoli e Caserta e il termine è stato scelto per evocare nella memoria di chiunque, i roghi derivanti dai rifiuti -tossici e abusivi- che avvelenano letteralmente la zona. Ogni giorno, ogni ora, nell’aria si levano colonnine di fumo nero come la pece, l’aria diventa velocemente irrespirabile e la gente è costretta a vivere murata in casa. I bambini non possono giocare in cortile e chi è impossibilitato a rimanere al chiuso, e quindi obbligato a respirare le esalazioni provenienti dai roghi, accusa immediatamente bruciore alla gola, lacrimazione agli occhi e difficoltà a respirare.

Dal 1991 a oggi sono state smistate tra Napoli e Caserta ben 10 milioni di tonnellate di rifiuti illegali e pericolosi.

Il pentito Carmine Schiavone già nel 1997 aveva ben definito la tragica situazione in cui versava la Terra dei fuochi. Dichiarazioni mantenute segrete fino a qualche mese fa, quando l’onda di cittadini – morti che cammino- residenti in questa zona maledetta, non ha smesso di lamentarsi solo a livello locale ma ha preteso che lo Stato iniziasse a rendere conto di un sistema che per anni ha portato le aziende del Nord Italia a servirsi della Campania -e di molte altre regioni del sud- come discarica abusiva.

Il tenace lavoro della magistratura ha portato alla scoperta, dopo venti lunghi anni di inchieste, un’osmosi tra stato, mafia e pubbliche amministrazioni. Tutti sapevano, ma nessuno si preoccupava di salvare chi nei comuni di Qualiano, Giuliano in Campania, Orta di Atella, Caivano, Acella, Nola, Marcianise, Succivo, Frattaminore, Frattamaggiore, Mondragone, Castelvolturno e Melito di Napoli ogni giorno metteva a rischio la propria vita, costruiva case, orti e metteva al mondo bambini.

L’Istituto Nazionale per i tumori “Pascale” di Napoli ha pubblicato solo agli inizi di novembre 2013 i dati della ricerca effettuata tra i comuni facenti parte della Terra dei Fuochi. I dati sono allarmanti e fanno realmente paura. A differenza del resto dell’Italia, che nell’ultimo ventennio ha visto rimanere stabili quasi ovunque i dati relativi ai decessi provocati dai tumori – nel Nord Italia si parla addirittura di diminuzione degli stessi-  i comuni compresi tra Napoli e Caserta hanno visto un incremento di persone morte a causa di un tumore, pari al 47% tra gli uomini e il 40% tra le donne.

Possiamo quindi apertamente parlare di biocidio vero e proprio. Di una fetta di popolazione che vede almeno un caro morire, ammalarsi, subire una situazione voluta dalla mafia, dagli imprenditori conniventi e soggiaciuta dallo stato.

La Campania attualmente deve fare i conti anche con l’abbattimento delle esportazioni agroalimentari. Nessuno, né in Italia, né all’estero, acquista più prodotti provenienti dalla regione, a prescindere che questi giungano o meno della zona inquinata ed incriminata. Gli agricoltori campani che per anni hanno denunciato la situazione di illegalità collegata al problema dei rifiuti, e che da sempre lo stato sordo ha ignorato, ora vedono la fetta più grande dell’economia regionale andare in frantumi. Le istituzioni permettono infatti che la paura e l’ignoranza prevalgano su sistemi di controllo qualità serissimi e quotidiani.

La Campania non è l’unica zona ad ospitare una Terra dei Fuochi. Il meridione è pieno di zone utilizzate come pattumiera del Nord Italia e del Nord Europa. Cercheremo un po’ per volta di parlare e dar voce a tutte le altre località che subiscono questo connubio stato- imprenditori- mafia, vivendo – anzi, morendo- nel e del silenzio delle istituzioni.

 Tutti i diritti riservati. Non è consentito copiare, modificare o utilizzare altrove questo articolo, né per scopi commerciali né per la trasmissione a terzi senza la nostra previa autorizzazione. E’ possibile copiare le prime 5/10 righe del testo indicando fonte (con link attivo) e autore dell’articolo. Mandare una mail a [email protected] indicando dove è stato condiviso il pezzo

Marika Massara

Nata e cresciuta in provincia di Milano, emigrata in Calabria, adottata da Roma, non posso che definirmi italiana. Amo la mia Calabria, il mare d'inverno e il Rock. Da sempre attenta alla politica (più che ai politici), non posso che definirmi assolutamente di sinistra. Segni particolari: Milanista sfegatata.

Un pensiero riguardo “Terra dei fuochi: dove lo Stato non vede, la gente muore

  • 18 Novembre 2013 in 9:57
    Permalink

    precisazione: gli aumenti dei decessi per tumore sono aumentati soprattutto, ma non SOLO nella terra dei fuochi. Ringrazio gli amministratori di Briganti per la puntualizzazione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: