Regionali del M5S Lazio:regolamentazione del commercio ambulante

La Regione includa norme contro il commercio ambulante abusivo e i camion bar nel prossimo Testo Unico sul Commercio

I consiglieri regionali del M5S Lazio hanno depositato una mozione relativa alla regolamentazione del commercio ambulante sul territorio laziale con la richiesta di inserire precise disposizioni nella Proposta di Legge contenente il nuovo Testo Unico sul Commercio affinché le ubicazioni dei punti vendita ambulanti non vengano più demandate nella pratica ai gestori degli stessi punti vendita, in modo da rispettare le indicazioni del MIBAC e dei Piani Regolatori, nonché la volontà dei cittadini e di tutti i fruitori delle aree monumentali e naturalistiche regionali. La mozione impegna il consiglio ad emettere i provvedimenti più idonei per contrastare nella maniera più efficace possibile il commercio ambulante abusivo e ad emettere i provvedimenti più idonei a contrastare ogni forma di monopolio nel settore del commercio ambulante, anche nella tutela di tutte le attività regolari esistenti.

Regionali del M5S Lazio regolamentazione del commercio ambulante

La mozione vuole superare l’Articolo 44 della vigente L.R. sul Commercio n. 33 del 1999 in cui si afferma il principio dell’ ”equivalenza economica” nello spostamento di un’attività commerciale mobile, cui doveva essere garantita un’area con la stessa redditività di quella di provenienza, anche se quest’ultima poteva non essere stata scelta nel rispetto di legge e del buon senso.

La cronaca delle ultime settimane ha riportato alla ribalta l’attività dei “camion bar” che stazionano nei pressi dei più significativi monumenti e luoghi di interesse turistico della città di Roma, portando a conoscenza della cittadinanza il decennale monopolio del settore del commercio ambulante, con una concentrazione di non meno di 300 punti vendita tra camion-bar, caldarrostai, fiorai, chioschi di souvenir e abbigliamento, più postazioni temporanee per concerti ed eventi vari, nelle mani dello stesso nucleo familiare.

Il M5S Lazio, non fermandosi davanti a fenomeni che hanno spesso impaurito i precedenti legislatori, prosegue quindi nel suo cammino in difesa della legalità e del decoro.

Gruppo Consiliare M5S Regione Lazio

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: