Femen contro il Papa

femen_papa-300x200Le Femen – di cui avevamo già parlato – fanno nuovamente scalpore. Questa vola è l’italia il terreno delle loro manifestazioni.

Sabato 12 Gennaio le attiviste si erano aggregate alla manifestazione del Pd con i cartelli contro Silvio Berlusconi. A loro uso, si sono poi spogliate, rivelando tre corpi dipinti rispettivamente di verde di rosso e di bianco.

Ma quello che ha fatto più parlare è stato il “blitz” durante l‘Angelus del Papa, proprio il giorno in cui in Francia si svolgeva la manifestazione contro la legge sull’approvazione dei “matrimoni gay”.

Quattro ragazze, tra i 23 e i 25 anni, durante l’omelia hanno denudato la parte superiore del loro corpo mostrando le schiena con la scritta “In gay we trust” -richiamo non troppo velato del famoso “In God we trust”- e le pance con la scritta “Shut up”.

Le quattro Femen, tra cui anche la leader del gruppo Inna Shevchenko, hanno inizato a gridare “taci, omofobo” prima che le forze dell’ordine le obbligassero a rivestirsi e le portassero via.

Adesso rischiano una denuncia per manifestazione non autorizzata e atti osceni in luogo pubblico,denuncia che si andrà a sommare a tante altre simili.

Non era la prima volta che le ragazze tentano un analogo atto durante l’Angelus, la scorsa volta, nel novembre 2011, erano state fermate prima del loro spogliarello.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: