C’estLaVieDeMilan&LaFra

Ore 7 PM. Metro affollata, persone infilate in tutti gli spazi liberi, appese come scimmie anche alle borse del proprio vicino. Caos tremendo, mal di testa pulsante, urla su urla, musica dalle cuffiette della tizia che hai seduta a fianco, che riesce a sovrastare anche quell’album dei Kasabian che ti volevi ascoltare in santa pace. Santa cosa?

Odori che si mescolano a storie tristi e a colori che insieme non dovrebbero stare nemmeno nel cesto dei panni sporchi. Non può essere solo questo la linea verde alla fine di una lunga giornata.
Ed ecco,infatti, l’elemento sorpresa: un quasi burbero signore, sulla sessantina, sta leggendo un libro completamente assorto, come se tutto il contorno appena descritto nemmeno esistesse. La barba è bianca, la maglia a collo alto beige, il completo verde oliva. Occhiali squadrati, mani talmente grandi da nascondere il titolo del libro, ma non l’autore: Nietzsche. Accidenti.

Se i cani assomigliano ai padroni, i lettori dei libri assomigliano agli autori. Col libro in una mano, la penna nell’altra, il simil professore ha rifiutato, nell’ordine: contatti con le persone, un paio di posti a sedere, il passaggio di un brufoloso adolescente e l’ingresso nella vita reale del post ufficio. Per una buona decina di fermate.  La cosa che più mi stupisce è la voglia, l’avidità di conoscenza che spinge questo signore a leggere ogni singola pagina riga dopo riga, lettera dopo lettera, noncurante del ragazzo peruviano dietro di lui che mastica a bocca spalancata delle patatine dalla dubbia provenienza, della milanese a fianco, che urla al telefono l’ultima ricetta sentita dalla Benedetta, e della pirla che gli sta seduta di fronte, cercando di imprimersi nella mente la sua immagine.

Come se da quel libro dipendesse qualcosa di molto importante. Un piccolo tomo, dalle pagine ingiallite, di quelli che sembrano passati tra le mani di tante persone. Di quelli che sembrano avere un buon odore. Il suo bisogno di sapere, di conoscere di più, di imparare ancora, nonostante le sue rughe potessero raccontare tante di quelle cose, che nemmeno in tutta la saga di HP ne sono state dette così tante.
Eppure è lì, in piedi, col giaccone aperto e la borsa che gli cade su un fianco. Imperturbabile.

Scende a Lanza, si mischia tra la gente, con passo cadenzato e tranquillo. L’andatura di chi non è obbligato a correre, perché sa perfettamente dove deve andare. Continuo ad osservarlo, finchè non sparisce dalla mia vista, e penso che sarebbe interessante parlagli, magari per farmi trasmettere un po’ di quella sua pacatezza nei confronti del mondo.

Probabilmente, avrei solo ottenuto una bella denuncia per stalking.

C’est la vie.

Contatta La Fra

{jcomments on}

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: