Arte e Cultura

Processo a mio figlio Teatrosophia

Dal 2 al 6 novembre la prima produzione di Teatrosophia a Teatrosophia. Processo a mio figlio di Antonio Mocciola.

Il direttore artistico Guido Lomoro firma l’adattamento e la regia di un toccante testo di Processo a mio figlio scritto da Antonio Mocciola con Francesco Giannotti e Flavio Mariglianie prosegue l’ormai consolidato sodalizio artistico con la coreografa e danzatrice Maria Concetta Borgese che ne ha curato la parte legata al movimento scenico ed alle coreografie.

Durante il fascismo centinaia di omosessuali vennero allontanati e confinati perché ritenuti “infettivi”. In questo contesto un padre potente firma l’arresto e il confino del proprio figlio per tenerlo lontano dai propri occhi e al riparo da uno stigma sociale ancor più crudele di una legge repressiva… Un atto coercitivo dunque e apparentemente egoista che però avrà una chiave di lettura che mette in evidenza le profondità del rapporto padre/figlio, le verità nascoste, i bisogni mascherati e soprattutto l’amore.

Ancora una volta il connubio Lomoro-Borgese usa il linguaggio teatrale a 360 gradi: la voce e il corpo strumenti inscindibili e dunque indispensabili per arrivare ad esprimere anche ciò che la “sola” parola non esplicita

Dopo lo spettacolo, il consueto aperitivo offerto da Teatrosophia

Processo a mio figlio di Antonio Mocciola. Da mercoledì 2 a venerdì 4 novembre ore 21. Sabato 5 e domenica 6 novembre, ore 18 al Teatrosophia, via della Vetrina, 7. Si consiglia la prenotazione al 06 68801089 /353.39.25.682 o info@teatrosophia.com. È prevista la tessera associativa.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!