Arte e Cultura

Nessuno dopo di te: Guido Lomoro e Maria Borgese

Debutta in prima assoluta al Teatrosophia dal 22 al 27 febbraio “Nessuno dopo di te”, intervista a Guido Lomoro e Maria Borgese.

Nessuno dopo di te Scritto e diretto da Guido Lomoro Con Gabriele Giusti e Tommaso Sartori. Coreografie e Movimenti scenici di Maria Concetta Borgese. Prodotto da Guido Lomoro per Teatrosophia. Scene: Enzo Piscopo. Costumi di Maria Letizia Della Felice. Disegno luci: Adalia Caroli. Regia del direttore artistico Guido Lomoro che per la prima volta mette in scena un suo testo.

I due protagonisti sono interpretati da Gabriele Giusti e Tommaso Sartori: due giovani attori di grande talento diplomatisi il primo all’Accademia teatrale di Roma Sofia Amendolea e il secondo, alla Scuola di Teatro di Bologna Alessandra Galante Garrone.

Storia d’amore vissuta nel coraggio e nella paura, tumultuoso viaggio interiore, lo spettacolo narra l’intreccio e l’incontro/scontro tra due anime, l’una bisognosa d’amore, l’altra votata alla rassegnazione, entrambe incomplete e travagliate

Eleggendo la componente performativa come strumento di comunicazione, l’opera si muove su una trama sottile: i dialoghi spesso lasciano spazio al corpo e ai suoi movimenti, le parole del quotidiano vanno a mescolarsi con la poesia.

Sono parole quelle che usiamo per difenderci e nasconderci, sono parole quelle della poesia, che troppo spesso rimangono mute. Ma è parola anche il nostro corpo che al contrario, non tace mai.

Diego combatte, Mirko è combattuto fra amore e desiderio di fuggire. Aumenta il non detto. L’amore è ormai solo una gabbia, o l’unica speranza di salvezza?

Dal 22 al 27 febbraio Teatrosophia, via della Vetrina, 7 (traversa di Via dei Coronari).

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!