LE TA ME dialoghi e chitarre di lockdown e riflessioni

LE TA ME Regia e drammaturgia Nicholas Gallo. Dal 13 al 16 gennaio Teatro Pegaso – Sala Massimo Troisi- Ostia.

Va in scena dal 13 al 16 gennaio al Teatro Pegaso di Ostia, LE TA ME, spettacolo scritto e diretto da Nicholas Gallo, con Fabio Camassa e Francesco Testi. LE TA ME nasce dalla necessità di mettere alla prova il nostro stato mentale dopo varie sofferenze sopportate nel periodo della pandemia. Protagonisti sono tre giovani, anime quasi disperse senza più un punto di riferimento.

Quello che accade tra le persone potrebbe tranquillamente essere il risultato di ciò che abbiamo provato nei tre mesi di lockdown, da marzo a maggio del 2020. Ogni comportamento dell’uomo appare insolito, che ruolo potrebbe avere la follia?

Che cosa abbiamo imparato da tutto questo?

Un dibattito tra chi è ancora fiducioso (con riserva) e chi ha perso ogni speranza durante il primo lockdown. Una retrospettiva sulle nuove emozioni nate nel periodo della pandemia e il risultato di ciò che sta accadendo tra le persone.

I dialoghi si susseguono accompagnati da una chitarra elettrica vibrante che funge da filo conduttore tra le due fasi: lockdown e nuova libertà. Le note della chitarra, a volte, danno l’impressione di non finire mai, esattamente come quello che al momento percepiamo nel quotidiano.

Una pièce che scava nel nostro quotidiano, nelle nostre menti, nell’attualità, nella società pervasa da questi tempi incerti.

Regia e drammaturgia Nicholas Gallo. Con Fabio Camassa e Francesco Testi. Aiuto regia Alessia Setzu. Musiche ed esecuzione live Federico lisi. Produzione Angelikafilm. Teatro Pegaso, viale Cardinal Ginnasi 12, Lido di Ostia.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: