Il gioco di ruolo: origini e curiosità. Scaldate i dadi!

Le origini del gioco di ruolo e le curiosità sul mondo che oggi vanta milioni di appassionati. L’esordio di Giulio Davì.

Il gioco di ruolo negli ultimi vent’anni è stato sdoganato grazie a saghe cinematografiche di successo come Il signore degli anelli o Harry Potter: oggi è possibile ricalcare le gesta dei propri beniamini interpretandoli in campagne di gioco di ruolo attorno ad un tavolo con i propri amici.

La forza del gioco di ruolo è la socialità che lo caratterizza e la semplicità con cui può essere sviluppato: bastano delle regole, una buona dialettica e tanta fantasia.

Il gioco di ruolo viene gestito dal Master, narratore o cantastorie, che ne regola ogni aspetto tecnico e narrativo, e dai giocatori, veri e propri attori che mettono in scena i rispettivi alter ego in situazioni avvincenti come rivelare oscuri intrighi, esplorare antichi luoghi incantati o partecipare a epiche battaglie con spade e magie.

Regolamenti di mondi fantastici

come il famoso Dungeons & Dragons, Vampiri, Sine Requie, Il richiamo di Cthulhu, Cyberpunk presentano una propria ambientazione per regalare ai giocatori situazioni e temi differenti con cui confrontarsi. Ogni sistema prevede una scheda del personaggio con le abilità che lo contraddistinguono. Il gruppo di giocatori che intraprende un’avventura si troverà a dover risolvere problemi di varia natura con la sola interpretazione del proprio eroe e le proprie capacità.

Vi guiderò attraverso le curiosità storiche che hanno portato il gioco di ruolo ad essere ciò che è oggi, citando solo alcuni dei più importanti influssi che hanno contribuito al suo sviluppo, ponendo l’accento sulle caratteristiche che lo rendono così attrattivo per le nuove generazioni.

Un pensiero su “Il gioco di ruolo: origini e curiosità. Scaldate i dadi!

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: