Un Filo Rosso per Gabriele D’Annunzio

In occasione delle Giornate europee del patrimonio il 25 e 26 settembre, l’associazione culturale Aedon, in collaborazione con il Museo Nazionale Romano, presenta Filo Rosso.

L’evento, che animerà per due giorni il teatro di Palazzo Altemps, è collegato da un tema comune – un filo rosso appunto – ispirato all’eclettica figura di Gabriele D’Annunzio. Forse è poco noto che il celebre poeta ebbe un legame particolare con Palazzo Altemps, dove visse per qualche anno insieme alla prima e unica moglie Maria Hardouin di Gallese, che sposò nella chiesa del palazzo il 28 luglio 1883.

L’evento si aprirà sabato 25 settembre a partire dalle ore 11.00, con la proiezione del film Il fuoco di G. Pastrone del 1915, ispirato alla figura del poeta pescarese, nella versione restaurata dal Museo Nazionale del Cinema, che verrà proiettato in loop fino alle ore 18.00.

A seguire, alle 20.30, andrà in scena La Signora dei Sogni, lettura teatralizzata scritta da Lorenzo De Liberato, a cura di Marco Fasciana, con musiche composte da Alessandro Viale e con Nika Perrone nel ruolo di Maria Hardouin. Lo spettacolo indagherà gli aspetti meno noti, più personali e familiari di Gabriele D’Annunzio, che emergeranno attraverso la sensibilità di Maria Hardouin.

La giornata si replicherà domenica 26 settembre dalle 11.00 alle 15.00, con la proiezione in loop del film, seguita alle ore 16.30 dalla rappresentazione teatrale.

L’evento è gratuito per i possessori del biglietto del museo. Il 25 settembre dalle 19.45 alle 22.30 il biglietto di ingresso ha il costo di 1 euro.

Per info sull’evento: Associazione AEDON. Per i biglietti: Mueso Nazionale Romano.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: