Minori e social network, solo con Spid

Consumerismo: bene Garante, accolta nostra richiesta. Oggi sul tavolo di Governo e Parlamento proposta di legge per legare social network a Spid

Il Garante per la Privacy ha accolto la nostra richiesta, estendendo le sue indagini a Facebook, Instagram e altri social network, piattaforme per le quali Consumerismo aveva denunciato la possibilità di iscriversi anche se non in possesso dei limiti di età richiesti dalla legge.

Lo afferma Consumerismo No profit, associazione dei consumatori che ha lanciato una battaglia a tutela dei minori, commentando il fascicolo aperto oggi dal Garante.

“Si tratta di una decisione importantissima perché il problema dei minori sui social non riguarda certo solamente Tik Tok – spiega il presidente Luigi Gabriele – Proprio in tal senso Consumerismo ha presentato oggi al Governo e ai presidenti di Camera e Senato l’annunciata proposta di legge per disciplinare l’accesso dei minori di anni 14 alle piattaforme di social network. Una norma che introduce l’obbligo di condizionare sia l’iscrizione che l’interazione sui social network, da parte dei minori di anni 14 che si trovino sul territorio italiano, all’autorizzazione dei genitori identificati a mezzo identità digitale (es. SPID)”.

“Ci aspettiamo ora un cenno dalle istituzioni affinché la battaglia per la tutela dei minori sui social network si trasformi in provvedimenti concreti, e perché non ci sia bisogno di altre vittime per legiferare su un tema così importante e attuale” – conclude il presidente di Consumerismo.

Leggi anche Benadryl Challenge, L’ultima sfida mortale
Sostieni SenzaBarcode con una donazione!
La nostra associazione, il sito e la webradio sono totalmente autofinanziati.
Scegli il progetto che preferisci e diventa SenzaBarcode

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: