Open Day dermatologico pediatrico agli IFO

Il 10 dicembre visite dermatologiche gratuite dalle ore 12 alle 17 e giocattoli in dono per ogni età, il primo regalo è l’Open Day dermatologico pediatrico.

Al San Gallicano Il primo regalo per i bambini è l’Open Day dermatologico pediatrico, un appuntamento per aumentare l’informazione alle famiglie e favorire la diagnosi precoce delle malattie della pelle di bimbi e adolescenti. Nell’attesa della visita i bambini potranno intrattenersi con i tanti giochi che riempiranno le sale d’attesa degli ambulatori di dermatologia clinica, donati dall’Associazione Onlus “ La Voce di Rita”.

Le patologie dermatologiche in età pediatrica hanno spesso grande influenza nella vita di relazione dei piccoli pazienti e implicano un importante coinvolgimento anche delle dinamiche familiari. Di grande impatto sull’età infantile sono le patologie allergiche. In circa vent’anni la percentuale di bambini allergici in Italia è aumentata dal 7 al 25% con relativo aumento delle manifestazioni cutanee di tipo eczematoso. La dermatite atopica è nella lista delle patologie più diffuse. Questa malattia della pelle colpisce soprattutto la fascia dei bambini e dei neonati con tasso di incidenza pari a circa il 20% su scala globale, per quanto concerne la fascia d’età dai 0 ai 7 anni. Se si prende come esempio la fascia di bambini dai 7 ai 12 anni, invece, si scende ma di poco: circa il 18% della popolazione mondiale.

“Le cause sono molteplici”

Spiega Marco Ardigò, Direttore della Dermatologia Clinica ISG – certamente il maggiore inquinamento ambientale, ma anche fattori comportamentali, come l’atteggiamento più preservativo da parte dei genitori che a volte determina un minore contatto dei bambini agli allergeni, il sistema immunitario può “non imparare” a conoscerli, rispondendo meno agli impulsi. Non ultimo dobbiamo considerare che oggi abbiamo un considerevole aumento di sensibilità alla diagnosi: in passato un’alta percentuale di soggetti allergici non veniva inquadrata come tale.”

Ma le malattie della pelle tipiche dell’età pediatrica sono numerosissime

Prima tra tutte resta l’acne, che colpisce l’adolescente dai 12 anni in su e che coinvolge il 30-40% della popolazione o le infezioni cutanee come l’impetigine o le verruche. I pazienti in età pediatrica possono sviluppare anche patologie tipiche dell’adulto come la psoriasi che colpisce il 3%- 8% della popolazione, ma che in età pediatrica è sottostimata e in alcuni casi non diagnosticata. Inoltre, non sono infrequenti patologie come l’alopecia areata che interessa sia maschi che femmine: ben il 66% dei pazienti con l’alopecia areata ha meno di 30 anni. Non mancano le patologie della pigmentazione come la vitiligine che ha incidenza fra 0,5 e 3% della popolazione pediatrica con esordio prima dei 20 anni in circa la metà dei casi, e un picco fra i 6 e i 10 anni.

Le patologie della pelle sono spesso presenti fin dai primi anni di vita. Una cura adeguata parte da una diagnosi precoce e da un inquadramento fin dall’età pediatrica delle predisposizioni alle malattie dermatologiche. “Una valutazione attenta dei primi segni clinici – sottolinea Ardigò – permette al dermatologo una miglior gestione delle cure e una riduzione dell’impatto della patologia sulla vita dei più piccoli.”

“Questi motivi – conclude Aldo Morrone, Direttore Scientifico ISG – ci hanno spinto a promuovere l’ Open Day. Mi fa piacere sottolineare che l’ iniziativa nasce dal personale: è stata organizzata dagli infermieri in forza alla Dermatologia Clinica!

La pelle tramite il contatto è il primo canale di comunicazione del neonato. La carezza la prima cura….”

Foto di skeeze da Pixabay

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: