Nasrin Sotoudeh, l’appello di Nessuno Tocchi Caino

Nessuno Tocchi Caino lancia l’appello per la liberazione di Nasrin Sotoudeh. Venerdì 15 marzo 2019, 11.30, presso il Partito Radicale.

Nasrin Sotoudeh, un’avvocata iraniana da anni in prima fila per difendere i diritti civili nel Paese, è stata condannata a 38 anni di carcere e 148 frustate per “collusione contro la sicurezza nazionale”, “propaganda contro lo Stato”, “istigazione alla corruzione e alla prostituzione” e per “essere apparsa in pubblico senza hijab” (il velo che copre la testa obbligatorio per le donne in Iran).

Braccio destro di Shirin Ebadi, Premio Nobel per la Pace, Sotoudeh è stata vincitrice del Premio Sakharov del Parlamento europeo nel 2012. È stata arrestata a giugno del 2018 dopo essere stata condannata in contumacia a 5 anni di prigione dal tribunale rivoluzionario di Teheran per spionaggio.
Nessuno tocchi Caino lancia un appello per la sua liberazione.

Partecipano

  • Elisabetta Zamparutti, Nessuno tocchi Caino
  • Rita Bernardini, Partito Radicale
  • Liliana Cavani, regista
  • Bianca Berlinguer, giornalista
  • Deborah Bergamini, deputata Forza Italia
  • Cinzia Bonfrisco, senatrice Lega
  • Ilaria d’Amico, conduttrice (in collegamento telefonico)
  • Alda d’Eusanio, conduttrice
  • Valeria Fedeli, senatrice PD
  • Flavia Fratello, giornalista
  • Simonetta Matone, magistrato
  • Esmail Mohades, Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
  • Renata Polverini, deputata Forza Italia
  • Elisabetta Rampelli, Presidente Unione Italiana Forense
  • Deborah Serracchiani, deputata PD
  • Giulio Maria Terzi, Global Committe for the Rule of Law-Marco Pannella

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: