Ad Amatrice nasce la Carta dei Principi e dei Valori

Per garantire una ricostruzione del centro storico che sia scrupolosa e attenta, nasce ad Amatrice la Carta dei Principi e dei Valori.

La ricostruzione del Centro Storico di Amatrice terrà conto di aspetti tecnici e strutturali, urbanistici ed architettonici, ma anche paesaggistici ed ambientali, sociali e culturali. È questa la sfida del futuro per la Città delle cento Chiese e di Padre Giovanni Minozzi, di Cola Filotesio e degli Spaghetti all’Amatriciana. Per questo nasce, ad Amatrice, la Carta dei principi e dei valori. Il documento è stato presentato dal consigliere delegato alla ricostruzione Filippo Palombini, nel corso dell’ultimo consiglio comunale ed è stato votato all’unanimità. Esso pone le basi per una ricostruzione sicura e rispettosa della storia del territorio e garantisce ampia partecipazione della cittadinanza al processo decisionale che porterà alla ricostruzione del borgo.

Saranno rispettati gli edifici storici di pregio e i beni culturali che rappresentano i simboli identitari della storia della Comunità

Sarà inoltre salvaguardata l’identità architettonica e storica del borgo e valorizzati gli elementi che erano stati compromessi dalle edificazioni recenti e gli elementi storici precedenti che dovessero emergere dalle macerie e dagli scavi. Al contempo saranno progettate e integrate tutte le possibili innovazioni e la popolazione sarà parte attiva di questo processo di ricostruzione, in ogni suo stadio. Parliamo della progettazione e della pianificazione attuativa, al fine di giungere ad una condivisione più completa possibile del futuro della Città.

“L’officina Laboratorio – dice il consigliere Palombini -, che sorgerà all’interno del Parco Minozzi, in una struttura donata ad Amatrice da Enrico Brignano, costituisce una metodologia di pianificazione unica nel suo genere, che individua nella costante partecipazione della popolazione un elemento fondante del processo di pianificazione. All’interno della struttura sarà collocato il plastico di Amatrice. Commissionato dalla Fondazione Santarelli di concerto con il Comune di Amatrice e realizzato dall’architetto Marco Travaglini. Tutto questo sulla base di una ricerca condotta dall’Università La Sapienza di Roma, prof. Alessandro Viscogliosi. Il plastico rappresenta il borgo com’era alla metà del Novecento e da esso partirà il progetto di pianificazione.

La struttura all’interno del Parco Don Minozzi sarà il luogo fisico, completamente accessibile, in cui la popolazione, i tecnici e il mondo scientifico potranno lavorare in forma partecipativa

“La sfida della ricostruzione di Amatrice – continua Palombini – esula non solo dai nostri confini territoriali e provinciali, ma anche dai confini nazionali. E’ la sfida di un borgo storico e di grande valenza culturale. Identità di una comunità estremamente legata al proprio territorio. E che ha vissuto sulla sua pelle come in 60 secondi sia possibile che la forza della natura cancelli mille anni di storia. Non è un tentativo sterile di un recupero del passato. È una sfida sul futuro della nostra civiltà. La collaborazione del mondo scientifico e delle accademie può garantire tutto questo e la carta e l’officina laboratorio nascono per convogliare tutte queste collaborazioni in un processo che vede la popolazione come protagonista”.

Redazione Marche

Da gennaio 2018 SenzaBarcode può contare sulla Redazione marchigiana. per contatti [email protected] e per inserimento in mailing [email protected]

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: