Break point poetry / città poetica

Sarà presentato presso la Sala Cinema del MACRO il volume Break point poetry / città poetica (Erreciemme Edizioni), a cura di Patrizia Chianese.

Break point poetry / città poetica. Si tratta del primo dei volumi di poesia facenti parte dell’omonimo progetto triennale inserito nel programma dell’Estate Romana 2017 promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE. L’iniziativa è promossa dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Il progetto – che identifica nella poesia e nella parola poetica urbana la possibilità di mettere in primo piano la persona, senza distinzioni di sesso, nazionalità, religione – è stato realizzato anche con la collaborazione di: Roma Centro Mostre, Direzione Casa Circondariale Regina Coeli, Vo.Re.Co. – Volontari Regina Coeli, Shakespeare and Company2, Art Project e del Circolo Culturale Cittadino CCC.CCC.

Nel volume Break point poetry / città poetica sono contenute circa duecento poesie raccolte dal contest lanciato la scorsa estate sui canali web e social di Roma Centro Mostre, successivamente lette dagli stessi creatori nei parchi e giardini pubblici di Roma, e le poesie scritte e lette in pubblico dai detenuti che hanno partecipato al laboratorio creativo di poesia attivato la scorsa estate all’interno della Casa Circondariale “Regina Coeli”.

Da questi incontri è stato realizzato il video Roma, lo stato della parola, regia di Aldo Demartis, prodotto da Roma Centro Mostre, che sarà presentato contestualmente al volume.

Al termine della presentazione si terrà anche un reading di poesia urbana con la partecipazione di molti dei poeti che hanno aderito al contest estivo e che sono entrati a far parte, di diritto, della community di Break Point Poetry.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: