Asl di Viterbo, furbetti del cartellino “perseguire con asprezza e senza sconti”

Fabrizio Santori (FdI), su Asl di Viterbo  “schiaffo in faccia a chi ogni giorno si reca sul posto di lavoro, cittadini  e pazienti”.

“La vicenda dei furbetti del cartellino scoperta nella Asl di Viterbo purtroppo fa emergere anche nel Lazio l’ennesimo caso di malcostume e frode nel settore pubblico ai danni dello Stato e soprattutto di ignari e onesti cittadini e pazienti. Uno schiaffo in faccia a chi ogni giorno si reca sul posto di lavoro con senso di responsabilità o di chi cerca con affanno un’occupazione.

Questo comportamento va perseguito con sempre maggiore asprezza e senza sconti, perché non danneggia solo economicamente le casse statali senza offrire servizi, ma svuota il senso di comunità che è alla base delle professioni medico-sanitarie e del welfare. Grave è anche l’atteggiamento di alcuni medici e infermieri relativamente  alle indennità indebitamente percepite sulle prestazioni domiciliari e cioè sulle spalle dell’anello più debole del sistema sociale: disabili e anziani. Un plauso va alla Procura e alle forze dell’ordine che stanno facendo piena luce sugli eventi, anche al fine di tutelare tutto il personale sanitario che svolge silenziosamente e con sacrificio il proprio lavoro nel rispetto delle regole. Quando il presidente Zingaretti deciderà di fornire informazioni, tramite i suoi direttori generali, anche in altre Asl e Ospedali della regione ?”.

È quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia che domenica 5 febbraio parteciperà all’evento dal titolo ‘Viterbo città malata?’ promosso dalla Fondazione per la Tuscia per aprire un confronto sull’attività della Regione Lazio sulla sanità, dal piano di rientro alle iniziative per il precariato nel settore pubblico.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: