Paolo Damiani Interni & Ritratti a cura di Agnès Martin

Il giorno 8 novembre alle 17 si inagura presso gli spazi del St Stephen’s Cultural Center Foundation di Roma la mostra “Interni & Ritratti” di Paolo Damiani, a cura di Agnès Martin.

Paolo Damiani presenta due cicli di lavori: Interni e Ritratti. La serie Interni comprende quadri e disegni di grandi e medie dimensioni che hanno come tema gli studi (Atelier) di famosi pittori, da Cezanne a Bacon, da Giacometti a Lucien Freud. L’intento di Damiani è quello di poter entrare nell’intimità dei grandi: gli studi diventano Stanze dell’immaginazione, dove fra tubetti di colore, cartacce e pennelli, raccontano e ritraggono un momento della creazione di un’opera.

Con il secondo ciclo Damiani ha analizzato e rielaborato quadri dei grandi pittori del Cinquecento, Seicento e Settecento. Pur mantenendo una classicità di fondo, ha voluto renderli moderni, contemporanei, ricordandoci che la pittura dei grandi protagonisti della storia dell’arte
è senza tempo, eterna.

“Mi sono avvicinato all’arte per curiosità: provengo da una famiglia di pittori e ho sempre sentito l’odore dei colori, degli olii. Per me non è una forma d’arte morta, come dicono tanti artisti contemporanei. Anzi, è una sfida: se si può ancora dire qualcosa, io la dico così, perché
ancora ci si può meravigliare davanti a un quadro. La pittura rimane nel tempo, non ha una collocazione temporale. Per me è una ricerca della classicità, rivisitata in qualche modo, ma sempre riallacciata al classico.”

Ecco perché, continua Damiani, i soggetti sono semplici pretesti:

“Non sono interessato ad un soggetto specifico: nei miei quadri non c’è mai un racconto, ma un impatto visivo. Per questo non amo mettere i titoli ai quadri: forma e contenuto sono sullo stesso livello.”
In questo modo si esprime totale libertà di interpretare le tele ed emozionarsi di fronte ad esse un inno alla soggettività, sia per il pittore che per l’osservatore:

a Damiani non interessa il soggetto del quadro, che può variare a secondo della tematica scelta, quanto l’impronta precisa della sua tecnica, la tecnica che spazia dall’olio alla tempera all’acrilico, dalla sovrapposizione di materiali più variegati, dal collage alla cera, dal legno alla sabbia.

Paolo Damiani è nato a Roma, Italia, dove vive e lavora. Dopo un primo percorso lavorativo nel mondo della grafica pubblicitaria, decide di abbandonarla per dedicarsi alla pittura. I primi lavori astratti agli inizi del 2000 sono un chiaro riferimento al mondo artistico italiano (da
Alberto Burri a Mario Schifano passando anche per Cy Towbly, americano di nascita ma italiano d’adozione, e Mimmo Paladino); poi la sua pittura si fa sempre meno astratta fino ad arrivare al figurativo con una particolare attenzione per le correnti artistiche del nord Europa e
specificatamente della pittura inglese e tedesca.

La pittura di Damiani si suddivide in cicli che lui chiama serie: ritratti, reperti, interni, reworks ecc. pittura che mantiene sempre un equilibrio fra classicità e modernità.

Una classicità che il pittore non vuole mai distaccarsi per poter ritrovare le sue origini artistiche.

Inaugurazione: 8 novembre ore 17.00
St Stephen’s Cultural Center Foundation.Viale Aventino 17 / Via Aventina 1 Roma
Dal 9 al 22 novembre 2016 su appuntamento: [email protected]

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: