Giustizia condannata per detenzione inumana e degradante

Ministero Giustizia condannato per detenzione inumana e degradante. Avvocato Alessandro Gerardi “ennesima sentenza che condanna lo Stato italiano”

Con un decreto del 4 luglio 2016 il giudice Federico Salvati del Tribunale di Roma ha condannato il Ministero della Giustizia per aver costretto Giacomo Reina a scontare la sua pena in condizioni inumane e degradanti all’interno del carcere romano di Rebibbia.

Al signor Reina, assistito dall’avvocato Alessandro Gerardi, il Ministero dovrà risarcire il danno versando una somma pari a 8 euro al giorno per l’intero periodo di detenzione sofferto (1662 giorni) per una cifra totale di poco superiore ai 13mila euro.

Tra i vari aspetti che hanno portato alla condanna, nell’ordinanza si legge quanto segue:

“– che la stanza in cui il ricorrente era stato detenuto nell’ultimo periodo si caratterizzava per non essere il bagno collocato in un vano separato ma, come pure emerge dalla planimetria allegata alla menzionata nota, collocato nel medesimo ambiente in cui il Reina alloggiava, senza separazioni in muratura o con tramezzatura;”.

Ennesima condanna

alessandro-gerardi-300x198Dichiara l’avvocato Gerardi, membro del comitato radicale per la giustizia Piero Calamandrei: “Si tratta dell’ennesima sentenza che condanna lo Stato italiano per le condizioni disumane in cui ancora oggi costringe a vivere molti detenuti. Ricordiamo che già la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha sanzionato ripetutamente il nostro Paese per le condizioni di sovraffollamento delle carceri, ritenute contrarie al divieto di tortura e a quello di trattamenti inumani  degradanti”.

Per altre informazioni è possibile visitare il sito ufficiale o contattare direttamente l’avvocato Alessandro Gerardi 3384845995.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: