ACEA, aria pesante intorno all’acqua. Daga M5S

In questi giorni intensi che precedono il ballottaggio del 19 Giugno, a Roma e in particolare in ACEA si respira un’aria pesante.

ACEA. Salone del pubblico pieno di gente che reclama per bollette esorbitanti, annunci roboanti sui giornali relativi ai mercati finanziari in ansia qualora il sindaco eletto fosse 5 stelle, distacchi delle utenze senza criterio e senza alcun rispetto per la dignità umana che proseguono senza sosta.

È notizia di ieri, infatti, il distacco del contatore dell’acqua per morosità ad un disabile con invalidità certificata all’80%  e che necessita di fare due medicazioni al giorno per non peggiorare la patologia. Una morosità che sarebbe disposto a saldare, se la sua pensione di invalidità di 400 euro al mese glielo consentisse. Il signore è infatti affetto da una grave patologia per la quale, come ribadisce il suo medico, ed è strettamente necessario per lui, disporre di acqua corrente per l’igiene, per non incorrere nel rischio di necrosi. Ed è notizia di oggi che un uomo ha minacciato di darsi fuoco nel Salone del pubblico di ACEA, per una bolletta di 450 euro per la quale non aveva disponibilità economica. L’uomo, dopo aver verificato con i dipendenti di ACEA la correttezza del conto, ha dato in escandescenza cospargendosi di gasolio e tirando fuori dalla tasca un accendino.

“Una situazione veramente pesante quella che si vive in ACEA” dichiara la deputata Daga “che sono soprattutto i cittadini romani a pagare sulla propria pelle. È ora di avere coraggio e di cambiare davvero le cose in questa città!”  “In questi tre anni” dichiara ancora la Daga “abbiamo provato tramite decine e decine di richieste di accesso agli atti, interrogazioni in tutte le sedi istituzionali, incontri più o meno a cordiali a reperire dati fondamentali per comprendere la gestione dell’azienda al 51% di proprietà del Comune di Roma, ma la trasparenza non è di casa. Per questo se domenica prossima Virginia Raggi fosse eletta nuovo Sindaco della Capitale, insieme, apriremo tutti i cassetti di questa azienda come di tutte le altre, difenderemo con le unghie e con i denti quel 51% del Comune, facendo in modo che il controllo torni davvero nelle mani dei cittadini con meccanismi di trasparenza reale e partecipazione sulle scelte, promuovendo l’apertura di sportelli al pubblico in tutti i municipi e riattivando il fondo per gli utenti indigenti” e dichiara ancora la Daga, che da alcuni mesi è anche piccola azionista di ACEA “Solo quando avremo reale cognizione di causa di quanto è successo in ACEA in questi anni, di come e in che modo sono stati spesi i soldi delle bollette pagate dai cittadini, allora potremo fare progetti e dichiarazioni da sottoporre alla città.

Per ora chiediamo con fermezza che vengano ripristinate nell’immediato le utenze distaccate e venga garantito a tutti il quantitativo minimo vitale, che anche in base alla legge, deve essere mantenuto anche in caso di morosità”

L’acqua è un diritto umano e l’ ACEA deve garantirlo!

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Un pensiero riguardo “ACEA, aria pesante intorno all’acqua. Daga M5S

  • 14 Giugno 2016 in 18:58
    Permalink

    Siamo in Italia …..il paese dove i politici sono impertinenti , prepotenti ed arroganti, dove tutto è permesso, la voce del popolo non ha peso, dove i referendum popolari vengono smontati e raggirati in tutti i modi. Un paese cosi detto civile e democratico, dove esistono persone che vivono nelle baracche o nelle automobili e all’addiaccio, dove avevamo cure gratuite e case popolari (per chi ne aveva il diritto ), cure dentali gratuite per tutti, le medicine gratuite, non c’erano liste d’attesa esasperate e si scioperava in tutta libertà senza se e senza ma. In trenta anni ci hanno ridotto all’osso in tutto i settori, ma lor signori continuano imperterriti a spadroneggiare, creando leggi che vanno bene a loro senza pensare al popolo, però qui casca l’ASINO finché il popolo si lascia comprare per vedere una partita a pallone e litiga per un goal negato o un fallo non visto……. non riusciremo MAI; MAI a far pesare la nostra volontà di libertà e democrazia.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: