Roberto Nugnes, Tsunami al Teatro dell’Orologio

Roberto Nugnes presenta Tsunami, il 31 marzo un debutto da non perdere al Teatro dell’Orologio. Con Geremia Longobardo, Federica Flavoni, Raffaele Risoli e Maria Antonia Fama

Un debutto da non perdere al Teatro dell’Orologio il 31 marzo (con repliche il 1 e il 3 aprile). Roberto Nugnes presenta “Tsunami”, il suo nuovo spettacolo con Geremia Longobardo, Federica Flavoni, Raffaele Risoli e Maria Antonia Fama.

Una commedia dolce amara quella presentata da Roberto Nugnes, che dopo il grande successo di “All In”, con il quale è andato in scena in concorso al Roma Fringe Festival 2015, torna in teatro con uno spettacolo che tra battute brillanti e taglienti fa divertire e pensare. In scena quattro attori raccontano l’epoca di un recente passato: gli anni ’80. I protagonisti interpretano una coppia figlia della società consumistica, uno scrittore poeta e una cartomante. Un incontro/scontro di culture profondamente diverse, un ritratto di un microcosmo di persone e simboli. Il tutto a pochi minuti da uno Tsunami… ma cosa si è disposti a fare di fronte a una così terribile calamità naturale?

Tsunami-WEB“Siamo alla fine anni ’80 – afferma Roberto Nugnes – in un’afosa domenica d’estate, una coppia di giovani coniugi si ritrova su una spiaggia deserta, per trascorrere una giornata di mare. Lui è Ermanno, autore televisivo per emittenti private; si occupa in particolare di sketch comici, con risultati mediocri. Sua moglie è Ippolita, parrucchiera a domicilio, indipendente, spregiudicata. I due non hanno figli e sono completamente presi dalla logica consumistica, il loro parlare diventa spesso quello delle televendite. Le loro discussioni, incentrate su piccole, insormontabili controversie quotidiane, ciniche e sprezzanti, spesso scurrili.  A turbare la loro “quiete” arriva un giovane, che posiziona il proprio lettino accanto al loro ombrellone, Cristian, scrittore, poeta, contrapposto ai due consorti in tutto e per tutto. La distanza culturale e morale tra loro è netta, e diventa sempre più marcata nel corso dei loro confronti. A fare da “arbitro”, interviene una cartomante, che si presenta con una parlata molto singolare. La donna darà consigli ai due sposi sul loro futuro e fornirà loro le istruzioni per il raggiungimento della ricchezza. Nel frattempo – prosegue Roberto Nugnes – il mare si ritira, e l’unico capace di rendersi conto della situazione che si sta per delineare è Cristian, sta per arrivare uno tsunami, notizia avallata dalla radio. Eppure, la cosa non sembra sconvolgere marito e moglie, che dinnanzi all’imminente catastrofe, non sanno far altro che pensare e ad agire in modo assurdo, completamente distaccati dalla realtà degli avvenimenti. L’unico nemico sembra così essere Cristian, sempre più messo alle corde dai due impudenti coniugi e dalla loro aberrante morale”.

Giovane rivelazione della scena italiana, Roberto Nugnes, classe 1983, si diploma in regia e sceneggiatura presso l’accademia Griffith di Roma. “L’ombra del pugile” è il suo primo cortometraggio, interpretato da Francesco Montanari. Scrive e dirige “I randagi”, interpretato da Pio Stellaccio, Gennaro Iaccarino e Federica Picone. Partecipa alla realizzazione della 2^ stagione della serie Rome II, presso gli studi di Cinecittà. Scrive per FOX Italia la prima stagione di Mistery Night, condotta da Rodolfo Corsato. Collabora alla produzione di alcuni spot televisivi, e cortometraggi; dal 2012 al 2014 è articolista presso la rivista Flanerì, dove si occupa di recensioni letterarie. È di quel periodo la pubblicazione dei racconti “La terra in fiamme” e “La zanzara”, presso la casa editrice Memori. In seguito è autore presso gli studi di Cinecittà World.“All In”, del 2014, è il suo esordio teatrale, atto unico portato in scena al Teatro Studio Uno, Teatro Trastevere e Roma Fringe Festival 2015.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: