112, École Universitaire Internationale e Regione Lazio

112 Numero Unico di Emergenza ed École Universitaire Internationale, 500 operatori in Supporto Anti Terrorismo.

École Universitaire Internationale rende noto

Nei giorni scorsi si è chiuso l’accordo che consente al personale specificatamente formato da École Universitaire Internationale, appartenente a organi di Polizia di vario tipo e genere, protezione civile, ispettori del trasporto, e tassisti della Capitale, ed il 112 Numero Unico di Emergenza che rende operativo in forma concreta il primo blocco di 500 operatori che fornirà la propria opera in Supporto Anti Terrorismo.

Gli specialisti S.A.T. saranno un supporto, a seconda del ruolo degli operatori, alle Forze dell’Ordine applicate all’antiterrorismo, senza mai sostituirsi ad esse.

 L’accordo, l’unico in Italia, è stato realizzato tra il Consiglio Regionale del Lazio nella persona dell’On. Fabrizio Santori – Commissione Sicurezza Regione Lazio – , la dr. Sabrina Magris presidente di École Universitaire Internationale, attualmente la struttura più importante in Europa nella formazione dell’antiterrorismo e l’Ing. Carlo Rosa direttore regionale della Protezione civile e responsabile del progetto NUE 112.

L’accordo consentirà di avere nel territorio già dalle prossime ore 500 uomini in più a tutela della comunità e dei turisti in visita alla Capitale.

Un secondo corso di formazione è già in fase di attivazione. 

La cerimonia conclusiva del primo corso, con consegna degli attestati, si è svolta il 12 Febbraio 2016 presso la sede del Consiglio Regionale del Lazio, alla presenza di personale in divisa e non.

In allegato foto incontro presso la sede del 112
Sono presenti (da sinistra verso destra): ex Col. Pietro Scuricini, dr. Sabrina Magris, On. Fabrizio Santori, Ing. Carlo Rosa.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: