Fabrizio Santori, resoconto di un anno con Mafia Capitale

Fabrizio Santori invita amici e sostenitori per un brindisi prima delle festività natalizie. Un resoconto ad un anno dall’inizio di Mafia Capitale e nel dopo Marino.

Il consigliere regionale del gruppo Misto Fabrizio Santori, ha invitato per sabato 12 dicembre i suoi sostenitori e amici per un saluto prima delle festività natalizia e per fare il punto dell’attuale situazione. Ad un anno dai primi arresti per i fatti di Mafia Capitale e in una Roma commissariata, i motivi di fermento sono tanti e vanno dal Giubileo alle prossime elezioni che attualmente non hanno una data definitiva. Insomma tanta carne al fuoco. Fabrizio Santori impegnato con “Difendiamo Roma“, l’iniziativa “#sgomma” trasformata poi in “#sgommato” dedicata a Marino ex sindaco della capitale, le incursioni negli ospedali, #orgogliocapitale e la richiesta continua delle dimissioni di Zingaretti, ha passato un anno decisamente impegnativo, raccogliendo consensi e attenzione da molti elettori. A dimostrazione l’alto numero di partecipanti anche in questa occasione presso l’azienda agricola Fonti della Magliana, in via della Magliana 854.

Anche SenzaBarcode ha voluto raccogliere le ultime battute del 2015 con Fabrizio Santori che, comunque, si concederà pochi giorni di vacanza.

 Un anno di Mafia Capitale

“Un anno da questo sistema, che deve essere in qualche modo certificato, io sono un garantista però effettivamente dalle intercettazioni, da quello che si sta dicendo, è un sistema marcio che era presenta all’interno dell’Amministrazione comunale, ma si vedeva dai bilanci quando lo denunciavo già ai tempi di Alemanno nonostante stessi in maggioranza. Di fatto quest’inchiesta deve andare avanti” così Fabrizio Santori e continua “la pulizia deve essere fatta totale, ma soprattutto ci deve essere un intervento da parte dei cittadini perché non è possibile lasciare la democrazia sospesa… sono stati nominati questi commissari, ma io auspico che il prossimo anno si possa votare perché Renzi attualmente non ha detto nulla” e poi l’affondo del consigliere regionale “uno che è abusivo a livello nazionale come premier, ora di fatto sta cercando di mantenere sospesa la democrazia anche nella città di Roma”.

Tra pochi giorni è Natale, finirà presto il 2015 che ha visto la “cacciata” del sindaco Marino e l’apertura della Porta Santa, in breve saremo in primavera e ci si aspetta di andare alle urne ma molti sono i mal di pancia perché le voci che si voglia aspettare la fine del Giubileo per andare ad elezioni sono molte. Certo, questo tempo sarebbe utile al PD per ripulire la sua immagine almeno in Capitale, ma ovviamente non è interesse di quell’opposizione che con i dem non vuole niente da spartire e che in questi mesi ha tutte le intenzioni di mettere in mostra più tutte le malefatte degli altri e ricamarci una grande campagna elettorale

La candidatura a primo cittadino

Molti sono già i candidati che vogliono battersi per la fascia romana, chiedo a Fabrizio Santori se ha intenzione di tornare ad occupare uno scranno del Campidoglio, “Il sistema è questo” risponde “il mio ruolo da consigliere regionale mi ha permesso di fare delle iniziative importanti per la città di Roma e di essere presente nelle battaglie… la mia candidatura a livello di consiglio comunale non credo ci possa essere, vediamo se ci sono le condizioni di una candidatura a primo cittadino…”.

L’intervista completa nel video che segue.

[youtube]https://youtu.be/iNesCkpCFpo[/youtube]

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: