Riforma per sciogliere i corpi di Polizia Locale?

Napoli, una strage che dovrebbe far riflettere sulla riforma della Polizia Locale, poliziotti considerati di serie B che rischiano come gli altri ma a basso costo.

Morti e feriti. Nelle ore in cui si piange un ufficiale della Polizia Locale di Napoli e si teme per la vita di un altro agente colpito gravemente nella strage di Secondigliano viene da domandarsi se la continua denigrazione dei corpi di Polizia Locale da parte di politica e media non debba portare al loro scioglimento.

Niente risarcimento.

Non avranno lo stesso trattamento, anche economico, le vittime ed i famigliari dei due appartenenti alla Polizia Locale coinvolti nella massacro rispetto a coloro che indossano una divisa dei corpi di Polizia nazionali. Nemmeno la stampa, se è per questo -a parte Il Mattino di Napoli- concede molto spazio all’atto eroico degli appartenenti alla Polizia Locale, si relega a fondo articolo il tentativo purtroppo finito in tragedia di far rinsavire l’omicida da parte del capitano Brunel, deceduto, e di mettere in salvo gli automobilisti di passaggio da parte dell’agente Vincenzo Cinque, ferito in modo gravissimo.

A Roma il clima non cambia.

Per fortuna che la cronaca romana dei giornali ci riporta con i piedi per terra ed il bastone nelle mani giuste: i grandi assenti durante lo sciopero dei mezzi pubblici a Roma? Ma i vigili, è ovvio! salvo, poi, dover scrivere la verità nell’articolo interno alla cronaca cittadina. La scelta non è dei lazzaroni assenteisti, ma del Comando del Corpo della Polizia Locale di Roma Capitale che decide di spostare un buon numero di pattuglie in orario serale per fronteggiare il percorso della Mille Miglia, oltre alle tantissime pattuglie già spostate quotidianamente dalle periferie al centro cittadino per presidiare le piazze. Pochi straordinari e nessuna nuova assunzione per un organico ridotto all’osso portano al patatrac: ennesimo venerdì nero romano. Nell’articolo questo è scritto, se non fosse che quel famoso cittadino medio che individua nell’agente della Polizia Locale il perfetto sfogatoio molto spesso si ferma al titolo di giornale e la politica locale ancora una volta si salva dalle proprie incapacità.

Da nord a sud il ritornello è sempre lo stesso.

C’è una divisa per strada che può essere lo sfogatoio di tutte le cose che non vanno, e anche di molte frustrazioni: fanno le multe, si occupano di commercio, edilizia e tante altre cose, costano poco -i famosi “salari a pioggia” del MEF tagliati-, perciò quale migliore utilizzo si può fare se non dirigere contro quel simbolo il malcontento e la rabbia per le incapacità dei comuni e dei sindaci? Eppure gli agenti della Polizia Locale come le altre divise intervengono per fa rispettare la legge, come gli altri corpi dello Stato rischiano di finire in mezzo ad una sparatoria, si è visto a Napoli, hanno i loro caduti e presidiano i luoghi sensibili ed i palazzi istituzionali a rischio attentanti, in questo caso non come le altre FF.OO. che dispongono di giubbetti anti proiettile e mitraglia al seguito, ma solo con le loro divise, a volte rattoppate, e una semiautomatica quando disponibile.

A differenza delle altre divise.

Non hanno degli uffici stampa di tutto rispetto, non hanno un potere nazionale che gerarchicamente li difende, non hanno nessun filtro dai soprusi della politica locale che li usa e ne abusa. Per questo motivo si deve togliere ogni alibi, ogni utilizzo del capro espiatoio: sciogliamo i corpi di Polizia Locale! Magari questa volta il cittadino inquadra bene il bersaglio delle responsabilità e delle inefficienze, deleghiamo la gestione e il coordinamento al Ministero dell’Interno, l’ente locale paghi la sua quota di sicurezza perché a far svolgere bene il lavoro dei vigili ci penserà il Governo levandoli dalle mani degli amministratori locali, che spesso non rispondono alle necessità dei cittadini e a volte non sono così integerrimi come vorrebbero far credere.

Che siano indipendenti e non più degli organi di polizia in mano ai signorotti locali.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

2 pensieri riguardo “Riforma per sciogliere i corpi di Polizia Locale?

  • Pingback:Roma, elezioni 2016 e la differenza Tronca | SenzaBarcode

  • 18 Maggio 2015 in 13:31
    Permalink

    Credo sia veramente una vergogna nazionale il trattamento riservato negli ultimi anni alla Polizia Locale.In particolar modo a Roma sotto scacco di una politica incapace tesa solo a fare cassa passando invece per democratica e innovatrice verso la popolazione.In generale comunque lo stato ignora queste persone perché riconoscerle un ruolo a tutti gli effetti da forze dell’ordine vorrebbe dire anche un diverso trattamento previdenziale,tutelare e normativo.Resta comunque uno schifo tutto ciò.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: