Recupero auto blu “decreto scandaloso”

“Scandaloso il recupero delle auto blu a firma D’Alfonso” Dichiarazioni di Jessica Verzulli Coordinatrice regionale dei Giovani di Forza Italia Abruzzo.

Riceviamo e pubblichiamo

“Da quanto leggo sul bollettino BURA n.13 del 15 aprile 2015, D’Alfonso ha decretato, a sua firma, il rientro nella disponibilità del Presidente della Regione e della sua Giunta, delle auto blu sotto casa, con una serie di misure che definirei scandalose”.

“Non è passato neanche un anno da quando l’ex Governatore Gianni Chiodi firmò la delibera per eliminare il permanente “servizio domiciliare” delle autovetture regionali, nel piano di revisione della spesa pubblica, per non gravare sui servizi ai cittadini. Un atto dovuto ed apprezzabile, che D’Alfonso non solo decide di revocare, ma che dispone con una serie di misure che addirittura ampliano il possibile utilizzo che se ne può fare. Si legge nel documento, infatti, che l’autovettura può ospitare non solo l’autista e l’utilizzatore, ma anche “dipendenti regionali o accompagnatori”, lasciando un ampio margine di spazio utile a poter accompagnare chiunque, senza incorrere in ipotetiche indagini per peculato d’uso. Ciò vorrà dire, in termini economici, maggiori spese sulle spalle dei contribuenti per gli stipendi degli autisti, che lavoreranno maggiormente, per il carburante, la manutenzione delle auto e i pedaggi autostradali.

A quanto pare D’Alfonso ha deciso che la spesa pubblica va ridotta chiudendo i punti nascita e altri servizi essenziali, mentre si salvaguardano, cancellando i progressi che si erano compiuti, i privilegi della sua Giunta, che guarda caso si dimentica di pubblicare come fa con quasi tutti gli atti che firma, sulla sua pagina facebook. Una svista?”

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: