Quando polibibite e futurismo fanno rima con arte

Presentazione del libro La Miscelazione Futurista – Polibibite, la risposta autarchica italiana ai cocktail degli anni Trenta del barman e studioso Fulvio Piccinino.

In questi giorni di festa i bicchieri traboccanti d’essenze alcoliche profumate, d’ogni colore e sapore, sono mancate solo ad infanti ed astemi. Un buon bicchiere di cognac, una grappa a fine pasto, un vino sopraffino o un limoncello casalingo -consumato responsabilmente- rappresenta da sempre, e per sempre, un’esperienza per tutti i sensi.

E di sensi, sapori, odori, colori e gusti si è parlato alla NON conferenza stampa pre natalizia tenutasi presso l’ Emporio Jerry Thomas in vicolo della Moretta, 9 in Capitale. Un momento d’aggregazione quasi unico. Atmosfera rilassata e cordiale, cornice perfetta, compagnia gradevole, il tutto unito alla storica casa astigiana Giulio Cocchi, che è anche editrice del libro, con Campari, Tassoni, Luxardo, Nardini, Pallini, Strega, Fabbri e la sbalorditiva esperienza di Fulvio Piccinino che ci ha condotto lungo un viaggio tra antichi futuristi e polibibite eccezionali.

Con il termine polibibite i futuristi hanno ribattezzato i cocktail donandogli qualcosa in più, una dimensione personale e inedita, un figura multiforme e senza imposizioni, non ci sono dosi, non si sono numeri esatti; c’è solo un percorso, eccitante e travolgente.

Abbinare formaggio e cioccolato insieme ad una giostra d’alcol potrebbe spaventare di primo acchito, ma non più di una acciuga racchiusa in un’ostia galleggiante tra kummel e mistrà.

Il libro La Miscelazione Futurista – Polibibite, la risposta autarchica italiana ai cocktail degli anni Trenta  è dedicato ai barmen e scritto da un barman, Fulvio Piccinino, che ha dedicato molto tempo alla ricerca non solo degli elementi storici ma anche nella via dell’immedesimazione e nel pensiero futurista degli anni Trenta. Questo “lavoro” ha creato qualcosa più di un manuale, ha dato vita ad una raccolta di notizie minori sulla creazione di polibibite atte a essere strumento del messaggio futurista che diventa un po’ il romanzo involontario di un gruppo di audaci anticipatori di stili e tecniche che precorrono sotto molti aspetti l’arte della miscelazione contemporanea.

Nel video un breve estratto della presentazione, un peccato per chi l’ha perso ma per tutti una nuova e buona occasione, le polibibite vissute e apprezzate oltre il bicchiere, il mio consiglio per il 2015!

Prima edizione 1500 copie. Edizione bilingue italiano/inglese. Foto d’epoca, immagini e iconografia di alto livello con la collaborazione di importanti musei e collezionisti. Fotografia: Studio Domenico Grossi. Informazioni sito Cocchi o mail [email protected]

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: