Giancarlo Cosentino “la giornata del coniglio” e la gente soffre!

Giancarlo Cosentino, appena dopo l’intervento di Nieri “speriamo che domani non sia la nuova giornata del coniglio, cioè di chi fugge e non è buono a dare risposte”

Giancarlo Cosentino lo abbiamo visto pochi minuti prima di questo intervento quando spiegava alla piazza cosa era successo. Anche Luigi Nieri ha parlato alla folla giustificando il sindaco. A Cosentino segretario Fp Cisl Roma e Lazio, chiedo cosa succederà domani – ossia oggi – e la sua tragicomica risposta si sposa abbastanza bene con quello che effettivamente sta accadendo ora a Palazzo Senatorio. Sappiamo che il sindaco si è presentato e che le trattative si sono aperte anche se il risultato non sembra – alle 18.12 – così gratificante.

Senza dubbio Giancarlo Cosentino è molto duro, le persone non sono arrabbiate, secondo lui  è più corretto dire che soffrono, e essere fuori dalla propria Casa – Palazzo Senatorio – probabilmente è motivo di maggiore umiliazione, “questa era la Casa di cristallo del sindaco, la casa dei cittadini di Roma. E’ diventato un bunker! Inaccessibile, iperprotetto da Polizia, Carabinieri, Agenti Segreti… Il vero problema è che qui dentro non ci sale nessuno! Se non allegre comitive che di fatto la politica per i propri scambi – anche di bilancio – porta su. I dipendenti comunali non hanno questo tipo di possibilità, perché < non sono di nessuno> “

La breve ma significativa intervista a Giancarlo Cosentino fornisce una visione politica e sociale aberrante, ma decisamente veritiera.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: