TrentinoInJazz 2014: Sonata Islands Nippon Eldorado

Questa sera andrà in scena la Sonata Islands Nippon Eldorado per la quarta serata del TrentinoInJazz 2014 al Teatro Sanbapolis di Trento. SenzaBarcode è madiapartner ufficiale dell’evento.

Quarta serata per il cartellone autunnale del TrentinoInJazz 2014, il festival della musica jazz del Trentino, una manifestazione che nasce dalla fusione del Sonata Islands, NonSole Jazz, Valsugana Jazz Tour e Lagarina Jazz. Le quattro serate dedicate a questa nobile forma d’arte hanno visto come protagonisti i maggiori esperti del settore sia italiani che stranieri. Ricordiamo il successo della serata di ieri al Teatro Sanbapolis, dove Emilio  Galante ha presentato il suo ultimo spettacolo, un omaggio al gruppo francese dei Magma.

Questa sera sarà invece il turno di Sonata Islands Nippon Eldorado, programma di teatro musicale prodotto dal festival a cura di Giovanni Venosta e dedicato alla musica alt rock giapponese degli anni Ottanta-Novanta. Il progetto, oltre a dare rilievo ad un genere poco noto in Italia, ma di grande fascino, si propone di dar vita ad un incontro tra culture differenti, da un lato due compositori di estrazione classica, come Emilio Galante al flauto ed elettronica e lo stesso Venosta alle tastiere, dall’altro un chitarrista eccentrico ed innovatore come Alberto Turra. I suoni d’oriente saranno riprodotti anche grazie alla voce di Sarah Demagistri, una giovane esordiente nel panorama rock, che con il suo estro saprà affascinare cantando anche in lingua giapponese. La sua esibizione avrà ad oggetto canti tradizionali del Paese del Sol Levante, interpretati secondo il tipico allure dei gruppi nipponici. A questo piccolo gruppo di talentuosi artisti si aggiungono William Nicastro al basso e Sergio Quagliarella alla batteria, che rappresentano la sezione ritmica della Sonata Islands Nippon Eldorado.

E’ possibile consultare l’intero programma al seguente link.

Clelia Tesone

E m'abbandono all'adorabile corso: leggere, vivere dove conducono le parole. La loro apparizione è scritta; le loro sonorità concertate. Il loro agitarsi si compone, seguendo un'anteriore meditazione, ed esse si precipiteranno in magnifici gruppi o pure, nella risonanza. Una delle più belle citazioni di Paul Valery per molti, come me, che crescono tramite una pagina, che sia letta, scritta o studiata.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: