Flash Roma: Metro C, M5S esposto alla procura

Metro C, M5S trasmette alla procura gli atti relativi all’accordo tra Roma Metropolitane e la società Metro C, l’ulteriore proroga potrebbe produrre un danno erariale.

A seguire il comunicato stampa del M5S

M5S. Nell’esposto alla Procura della Repubblica sui lavori della Metro C, trasmessi gli atti relativi all’ultimo accordo del 9 settembre 2013, tra Roma Metropolitane e la Società Metro C che ha alterato gravemente il rapporto tra committente pubblico e contraente generale.

L’accordo del 9 settembre 2013 che ha ridefinito le obbligazioni del contraente generale – società Metro C – limitandole alla sola esecuzione dei lavori, ha prorogato i termini per l’ennesima volta e, soprattutto, ha anche previsto il pagamento di ulteriori 90 milioni di Euro per le richieste di METRO C, secondo il M5S di Roma potrebbe far ravvisare un potenziale danno erariale.

E’ infatti questo terzo accordo stipulato autonomamente da Roma Metropolitane con Metro C, senza l’assenso preventivo degli enti cofinanziatori, l’atto incriminato definito “atto attuativo della Delibera CIPE n. 127 dell’11 settembre 2012 e conseguente adeguamento del contratto del 12 ottobre 2006”.

Infatti fu l’assessore pro tempore al bilancio a rilevare nel novembre 2013 come spetti a Metro C in qualità di Contraente generale assumersi per intero obblighi di realizzazione dell’opera finale con i relativi oneri e rischi complessivi. Al contrario l’accordo transattivo del 9 settembre 2013 ha alterato questo rapporto riversando sul committente pubblico – Roma Metropolitane – buona parte dell’alea della realizzazione dell’opera. Inoltre, adottato al di fuori della procedura di bonario accordo va oltre quelle che sono le prestazioni canonizzate negli atti precedenti aggiungendo ulteriori 90 milioni di Euro a favore di Metro C che non trovano alcuna corrispondenza, appunto, negli atti precedenti.

Perchè nel luglio 2013 Improta assessore pro tempore alla mobilità e Trasporti affida nuovamente a Roma Metropolitane la valutazione dell’ipotesi transattiva che poi porterà all’accordo del 9 settembre 2013?

E’ solo una delle tante domande che si pongono i consiglieri del M5S Roma che hanno investito la Procura chiamata a verificare che “ in relazione all’accordo del 9.9.2013 sia o meno prefigurabile a carico dei vertici della società Roma Metropolitane, del Sindaco Marino, dell’Assessore Improta, dell’Avvocatura, qualsivoglia responsabilità amministrative e/o per danno erariale.”

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: