Cronaca

Campo democratico, la piattaforma di confronto

Campo democratico, scaliamo il PD dal basso…con le idee. Il Tempio di Adriano cornice di un evento di successo.

Assemblea molto partecipata quella tenutasi ieri, 10 luglio, al Tempio di Adriano in piazza di Pietra a Roma.

Goffredo Bettini apre con una ricca relazione davanti ad una nutrita e interessata platea con una considerazione: il PD ha vinto perché è tornata la politica. Accanto a lui Matteo Orfini, presidente dell’assemblea nazionale del partito Democratico, che nella sua riflessione conferma il ritorno del primato della politica dopo la stagione dei tecnici, una nuova fase che segna la fine della seconda Repubblica e l’inizio della terza. Ma la percentuale che gli italiani hanno regalato al PD alle scorse elezioni non è un dato definitivo, ma una promessa, una speranza e un segno di fiducia da un Paese ancora deluso che si aggrappa ad un filo di speranza. “Adesso spetta a noi -dice Orfini- essere all’altezza della speranza e trasformare quel dato eccezionale in qualcosa di stabile, usare quel risultato per cambiare davvero le cose, il PD ha vinto perché ha saputo interpretare il cambiamento radicale che c’è nel Paese”. Quell’idea di PD come luogo intorno a cui aggregare forze differenti è ancora forte e suggestiva, ma è necessario rendere ancora di più questo il luogo dove si costruisce un’elaborazione comune con chi è interessato, trovando le modalità di incontro e riflessione.

All’incontro del Campo democratico era presente anche Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega agli affari europei, ed altri esponenti del PD e non solo che hanno portato proposte e sostegno ad un progetto ambizioso:  un campo democratico dove scalare il PD dal basso, con le idee! Campo democratico, presentato da Goffredo Bettini nel 2013, vuole essere un luogo di riflessione e confronto per riportare le idee al centro del dibattito politico.

In quell’occasione Bettini dichiarò : “È solo con il superamento della logica correntizia che il partito degli ex potrà fare del PD un nuovo soggetto politico che parla ai cittadini di oggi e a quelli di domani, interpretando la complessità di una realtà non più leggibile con le categorie novecentesche, superate dalla modernità della globalizzazione. Una sfida contro la solitudine dei singoli, che non hanno più la consolazione delle ideologie e delle appartenenze sociali o familiari”. E ieri, al Tempio di Adriano, l’aria che si respirava era propositiva e incoraggiante. Presente anche Gennaro Migliore, appena  dimessosi da capogruppo di Sel alla Camera con Titti Di Salvo e Claudio Fava ha recentemente presentato “Libertà e diritti – Socialisti europei”, un “contenitore” per ospitare i fuoriusciti di Sel in Parlamento, non un soggetto politico ma uno stimolo ed un “campo d’azione” comunitario per la sinistra di governo; quindi più che logica e consequenziale la sua presenza.

Tra gli altri in sala era presente la Consigliera Capitolina Svetlana Celli che abbiamo incontrato e intervistato a margine di una Commissione Personale e l’esponente socialista Gerardo Labellarte.

Alcuni interventi nel video.

[youtube]https://youtu.be/yCjpFvpeRN0[/youtube]

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!