Flash Roma: Metro C “Improta impegno non mantenuto”

Metro C Dichiara il consigliere di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma  «da Improta ennesimo impegno non mantenuto»

 «Non è nostra intenzione strumentalizzare e fare gli uccelli del malaugurio. Da tempo, il nostro atteggiamento è stato di disponibilità e responsabilità per quanto riguarda l’evolversi della nuova rete metropolitana. A noi interessa vengano date risposte chiare e certe alla cittadinanza, visto che il trasporto pubblico (in questo caso la Metro C) non ha connotazioni politiche. Però, da quello che leggiamo, sembrerebbe che per l’ennesima volta l’assessore Improta abbia preso degli impegni, che poi non è stato in grado di mantenere.

Tra l’altro, queste notizie le apprendiamo attraverso la stampa visto che non c’è la possibilità di poter ricevere documenti dal Comune, e considerato che lo stesso assessore ha più volte disertato la seduta della commissione regionale mobilità convocata proprio sull’argomento in questione. Adesso, che verranno applicate penali o che la responsabilità possa essere del comune o di metro C non credo interessi molto ai cittadini. Quello che appare evidente, purtroppo, è che ancora una volta quest’amministrazione prende impegni che poi non è in grado di portare a termine. Tra l’altro impegni presi in un atto attuativo che è costato al Campidoglio oltre 90 milioni (tra l’altro l’atto attuativo in questione è sotto la scure della procura della corte dei conti).

Per questo chiederò un’audizione in commissione regionale alla presenza dell’assessore Improta, affinchè venga a spiegarci come intende agire, e soprattutto chiederemo all’assessore impegni chiari e certi. Anche perché Improta, invece di stipulare atti attuativi, dovrebbe pensare di più a finire i lavori della metro C e a migliorare la qualità del servizio. Questa deve essere la priorità dell’assessore che – a quanto sembra – appare più interessato ad azzerare una azienda comunale come Roma Metropolitane (creata ai tempi di Veltroni), composta da personale competente e capace che ci invidiano a livello internazionali. Non vorremmo che questo sia dovuto al fatto che Roma Metropolitane, insieme al dipartimento trasporti abbia manifestato la propria contrarietà all’atto attuativo»

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: