Bilorussia e Arabia Saudita: giuste pena di morte e sharia

In Bielorussia il Ministro degli esteri dichiara la società non pronta per l’abolizione della pena di morte, in Arabia Saudita il Ministro della giustizia difende le dure punizioni della Sharia

 

Le news da Nessuno tocchi Caino.

Bielorussia: Ministro esteri, ‘società non pronta per abolire la pena di morte’

11 giugno 2014: in un’intervista pubblicata sul sito ufficiale del ministero, il Ministro degli Esteri Vladimir Makey ha detto che la società bielorussa non è pronta ad abolire la pena di morte.
“Dobbiamo procedere con molta attenzione e cautela” sull’abolizione della pena capitale, ha detto il Ministro. “La questione non deve essere affrontata in modo affrettato e artificioso. Tutto deve accadere in modo naturale. La società deve essere preparata all’abolizione.”
Per quanto riguarda l’introduzione di una moratoria temporanea sulle esecuzioni capitali, Makey ha detto di non escludere che la questione possa essere discussa dalle autorità se emergeranno alcuni presupposti fondamentali; “anzi, sarà ovvio oggettivamente introdurla se è giustificata sotto tutti i punti di vista”.

Arabia Saudita: Ministro della giustizia difende le dure punizioni della sharia

11 giugno 2014: il ministro della Giustizia saudita ha difeso le dure punizioni della sharia come la decapitazione, il taglio delle mani e le frustate, sostenendo che “non possano essere modificate”, perché fanno parte della Legge Islamica.
“Queste punizioni sono basate su testi religiosi divini e non possiamo cambiarle,” ha detto Mohammed Al Eissa durante un recente discorso a Washington.
Il Ministro ha sostenuto che la legge islamica abbia contribuito a ridurre la criminalità nel Regno conservatore.
La pena capitale viene applicata in molti altri paesi, compresi gli Stati Uniti, e non è limitata agli Stati islamici, ha detto. Le frustate – ha continuato – vengono date solo a quelli condannati per gravi reati legati all’”onore”, mentre la legge della Sharia non approvava il taglio delle mani per i sospetti ladri. “L’Islam simpatizza con la vittima, non il criminale”, ha detto Al Eissa.

Parlando con avvocati, consulenti legali e accademici americani, Al Eissa ha criticato i gruppi internazionali per i diritti umani che chiedono modifiche al sistema giudiziario del Regno, sostenendo che commettano “grandi errori”, perché hanno frainteso il Paese e l’Islam.”Ogni attacco alla magistratura sarà considerato un attacco alla sovranità del Regno”, ha detto. Per Al Eissa il sistema di giustizia penale del suo Paese è migliorato negli ultimi anni.
“Nei tribunali sauditi, i procedimenti penali vengono svolti in pubblico per garantire trasparenza ed equità”, ha concluso.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: