Il Circolo delle Quinte presenta Music is… the best

Il Circolo delle Quinte presenta Music is… the best – Pop e rock dagli anni ’70 ad oggi, il 5 giugno 2014 – ore 21.00 – Teatro Cassia – via Santa Giovanna Elisabetta, 69 Roma

Il 5 giugno prossimo, a partire dalle ore 21.00, Il Circolo delle Quinte porterà sul prestigioso palco del Teatro Cassia la sua ultima fatica, Music is… the best. Dopo la sfida, ormai collaudata e vinta con il concerto del Natale scorso, di far condividere il palco a musicisti professionisti ed allievi, questa volta il Direttore Artistico della scuola romana, Maria Elena Greco, lasciato (si fa per dire, ndr) in un angolo il pianoforte acustico, si esibirà circondata da tastiere digitali, con al suo fianco una band completa, composta dai maestri del Il Circolo delle Quinte, in un repertorio che comprende i brani che più hanno caratterizzato la storia del pop-rock dagli anni ’70 ai nostri giorni.

Perché, non si fa scuola soltanto in aula, con lo strumento, o in laboratorio, ma anche ascoltando i maestri della musica, vivendo l’emozione e la bellezza, rialimentando il motore che muove l’impegno, la condivisione di questa esperienza.
“In questa occasione – precisa il Presidente della scuola, Mariacarla GallùIl Circolo delle Quinte desidera dare spazio e libertà espressiva ai propri maestri, tutti professionisti di primo livello, con una grande esperienza live e discografica alle spalle. Ci ritroveremo sparsi qua è là, tanti pezzi della nostra storia, in un collage di note, immagini e colori”.

Maria Elena Greco

Ha iniziato ad 8 anni lo studio della musica e si è diplomata giovanissima col massimo dei voti, lode e bacio accademico al Conservatorio di Perugia, sotto la guida della celebre Emma Contestabile. Laureata in discipline musicali, si è poi perfezionata con Boris Petrushansky, Sergio Perticaroli, Stefano Micheletti e con Giovanni Carmassi. Impegnata nell’insegnamento musicale, si è specializzata a Budapest nel metodo Kodaly.

Musicista dei Voice of Glory, noto quartetto gospel romano, dal 1997 al 2005, lavora spesso come pianista e arrangiatrice in musical, tra i quali High society di Cole Porter, per conto della Planet Musical. Molto sensibile e impegnata nel sociale, si è esibita spesso come solista in manifestazioni a scopo filantropico, non ultimo il concerto nr. 1 pianoforte e orchestra di L. V. Beethoven eseguito a San Paolo entro le mura per conto dell’Ospedale Bambin Gesù di Roma. Attualmente è compositrice per conto di una etichetta discografica per il lancio di alcuni giovani talenti al Festival di Sanremo; dirige inoltre la scuola di musica Il Circolo delle Quinte di Roma.

 Il Circolo delle Quinte

“Un luogo dove riappropriarsi della propria libertà espressiva”. Con queste parole il Presidente de Il Circolo delle Quinte, Mariacarla Gallù, descrive il progetto guida della scuola. “Il nostro obiettivo è quello di stimolare e far emergere il talento dei giovani musicisti romani, affiancandoli nella loro crescita artistica”, aggiunge la Gallù.

“Questo progetto nasce dall’idea di creare una realtà diversa, dove un contesto naturale e sportivo possano fare da sfondo alla musica, intesa come espressione culturale di bellezza e linguaggio universale, consentendo a chiunque di trovare e condividere la propria capacità espressiva, lontano dai rumori della città – prosegue la direttrice – un piccolo mondo dove poter esprimere il potenziale artistico che è in ognuno di noi, anche attraverso iniziative di collaborazione con altre forme artistiche”.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: