Cronaca

Arsenico e dati ISDE. Indispensabile intervento della Regione Lazio

Arsenico che avvelena le acque di Roma nord, dei Castelli romani e del viterbese. Ancora allarme da ISDE. La Regione Lazio non può fuggire alle responsabilità

L’allarme arsenico è ormai un dato della quotidianità. Stefano Erbaggi ha illustrato la situazione al Municipio XV di Roma, Raimondo Chiricozzi ha fatto luce sulla zona del viterbese, il lago di Vico e gli anni di battaglia. Oggi è il consigliere di Nuovo Centrodestra della regione Lazio Daniele Sabatini a portare ancora all’attenzione il problema dell’arsenico.

L’Associazione Italiana Medici per l’Ambiente, l’ISDE di Viterbo, rilascia dati sempre più preoccupanti ed impossibile non prenderli in debita considerazione. Antonella Litta referente ISDE Viterbo

A due anni dalle conclusioni dello studio epidemiologico degli effetti sulla salute della contaminazione con l’arsenico delle acque potabili del Lazio, gli interventi a tutela della salute delle popolazioni dell’Alto Lazio siano ancora inadeguati, incompleti e insufficienti… nell’aprile 2012 lo studio, realizzato dal Dipartimento di epidemiologia della Regione Lazio, evidenziava una situazione sanitaria estremamente grave e preoccupante in particolare nell’Alto Lazio: con eccessi di incidenza e mortalità nei Comuni con livelli stimati per il periodo 2005-2010 per patologie associabili ad esposizione ad arsenico (tumori del polmone e della vescica, ipertensione, patologie ischemiche, patologie respiratorie e diabete)

Daniele Sabatini, in una comunicazione intitolata: Allarme arsenico, Regione non si nasconda

E’ un allarme che, ovviamente, sottolinea il rischio per la salute dei cittadini. E l’amministrazione Zingaretti non può e non deve minimizzare tutto ciò. Noi saremo intransigenti e manterremo alta l’attenzione affinchè la Regione rispetti le date, su una realtà complessa e delicata, verso la quale ha dimostrato – per l’ennesima volta – tutto il suo dilettantismo e pressappochismo

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!