Sanremo 2014: al via la sessantaquattresima edizione

Sanremo 2014: il 18 febbraio si è dato il via alla sessantaquattresima edizione del festival della canzone italiana.

Che si ami o si odi, Sanremo è un po’ come Beautiful, molti lo guardano, in tanti lo criticano, ma tutti, almeno una volta nella vita, ne hanno visto una puntata.

Fazio entra sul palcoscenico con alle spalle una coreografia bloccata. Apre Sanremo 2014 parlando del treno deragliato a pochi chilometri dal Teatro Ariston. Usa questo episodio per parlare dell’attuale situazione italiana. Del nostro Paese distrutto, della crisi che stiamo attraversando, senza però mai nominare direttamente la politica.

Le premesse vedono quindi anche l’edizione di Sanremo 2014 impegnata socialmente. Come non potrebbe esserlo se i presentatori sono Fazio e la Littizzetto. Ma ecco l’imprevisto…

Degli uomini interrompono Fazio, si sono arrampicati, come nel Sanremo di Baudo, chiedono di essere ascoltati. Fabio cerca di mantenere la calma. I due uomini chiedono che venga letta una lettera. Non si conosce il nome dei due disperati che minacciano di suicidarsi. Scrivo in diretta, l’articolo doveva solo parlare dell’apertura di Sanremo 2014, ma si sa, l’occasione fa l’uomo ladro, così ora mi tocca raccontare del gesto disperato di due poveri uomini.

Fabio minimizza il contenuto della lettera, in cui i due uomini raccontano la loro disperazione, chiedono aiuto, allo stato, a Fazio, alle istituzioni. Non sono senza lavoro, ma non ricevono lo stipendio da 16 mesi e hanno una famiglia a casa da mantenere.

Fazio riprende in mano le redini di Sanremo 2014. Il primo artista di cui parla è uno dei miei cantautori preferiti, De andré. Il festival della musica italiana inizia con Ligabue, che canta Creauza de ma. Io ho sempre avuto un debole per Luciano, quindi un po’ cedo al fascino della sua voce e alla magnificenza di Fabrizio.

“Vi chiediamo di restituirci la nostra dignità” così si conclude la lettera che Fazio, come promesso, ha letto alla fine dell’esibizione di Ligabue.

La Littizzetto entra in scena nel modo meno sanremese possibile. Con un vestito osceno, e dicendo la prima parolaccia dopo solo un paio di muniti. Ovviamente apre il suo Sanremo 2014 con la “letterina”. Irriverenza e politica, umorismo spicciolo e nuova commedia italiana.

Ora inizia la gara. 14 cantanti vip in gara, ogni cantante proporrà due canzoni, e il pubblico, con la giuria, sceglieranno quale delle due far andare avanti.

Apre le danze – ops, i canti – Arisa.

Il resto da domani sarà storia…

Perché Sanremo è Sanremo, e anche questo Sanremo 2014 si farà ricordare, come tutti gli altri.

Marika Massara

Nata e cresciuta in provincia di Milano, emigrata in Calabria, adottata da Roma, non posso che definirmi italiana. Amo la mia Calabria, il mare d'inverno e il Rock. Da sempre attenta alla politica (più che ai politici), non posso che definirmi assolutamente di sinistra. Segni particolari: Milanista sfegatata.

2 pensieri riguardo “Sanremo 2014: al via la sessantaquattresima edizione

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: