Beppe Grillo attacca il Festival di Sanremo e la Rai

A poche ore dall’inizio del Festival di Sanremo Beppe Grillo si scaglia duramente contro la Rai.

Chi non se l’aspettava, o meglio chi non voleva il colpo di scena? Ebbene Beppe Grillo, sapiente politico e ancor di più uomo di spettacolo, subito dopo le 19, poco dopo esser giunto nella località ligure per assistere alla manifestazione, ha reso nota la propria opinione non solo sul Festival ma ha attaccato la Rai stessa:

Oggi è la maggiore responsabile del disastro economico, politico e sociale del Paese. La Rai ce la dobbiamo riprendere, è nostra, Deve fare servizio pubblico, senza partiti e senza pubblicità (…) E’ tutto così precario come l’informazione, che è capovolta. Parlate del nulla, del vuoto (riferendosi ai giornalisti ndr.). Allora andiamo al vuoto per antonomasia: Il festival di Sanremo

Tuttavia Grillo si è soffermato soprattutto sulla Rai, criticando l’operato della Radiotelevisione italiana S.p.A. negli ultimi anni:

La Rai è un servizio pubblico? Vi sembra un servizio pubblico un’azienda che perde 7,8 milioni nel 2010, 7,5 nel 2011 e quasi 5 milioni nel 2012. Adesso la Corte dei Conti ha detto state spendendo troppo, dovete abbassare i costi

Ma non finisce qui. Il fondatore del Movimento 5 Stelle ha espresso nuovamente le proprie valutazioni sul nuovo Presidente del Consiglio, Matteo Renzi:

E’ il vuoto, lo hanno mandato al governo le banche

Certo è che una tale reazione era stata ampiamente annunciata. Poche ore fa ha infatti pubblicato sul suo blog quella che ora può esser considerata un’avvisaglia dell’intervento di questa sera:

(Fabio Fazio)Prende circa 5,5 milioni di euro per 3 anni. Per Sanremo percepisce circa 600 mila euro lordi l’anno. Perché Sanremo è Sanremo (…) Il bilancio della RAI al 31 dicembre 2012 si è chiuso con una perdita di 250 milioni di euro. Il bilancio del 2013 dovrebbe chiudersi con una perdita che sfiora i 400 milioni di euro(…) Per il festival di Sanremo in tre edizioni (2010/2011/2012) la Rai ha perso circa 20 milioni di euro

Anche questa volta Beppe Grillo non ha deluso elettori e fan. Dobbiamo aspettarci un altro colpo di scena? Chi sa!

Clelia Tesone

E m'abbandono all'adorabile corso: leggere, vivere dove conducono le parole. La loro apparizione è scritta; le loro sonorità concertate. Il loro agitarsi si compone, seguendo un'anteriore meditazione, ed esse si precipiteranno in magnifici gruppi o pure, nella risonanza. Una delle più belle citazioni di Paul Valery per molti, come me, che crescono tramite una pagina, che sia letta, scritta o studiata.

Un pensiero riguardo “Beppe Grillo attacca il Festival di Sanremo e la Rai

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: