Maro’, Gramazio (FI): “gli italiani li vogliono a casa”

Gramazio (FI), dichiara: “Maro’, gli italiani li vogliono a casa, basta parole, si passi ai fatti!”

“Sono due anni che i nostri Marò, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sono bloccati in India – scrive Luca Gramazio capogruppo di FI alla Regione Lazio in un editoriale pubblicato sul quotidiano online RomaCapitaleNews –  e sono due anni che i nostri governi (Monti prima e Letta poi) tentano con mediazioni diplomatiche (di scarso successo aggiungerei) di riportarli a casa. Ora la situazione rischia di precipitare, il ministero dell’interno indiano sembrerebbe infatti intenzionato a dare seguito alla polizia investigativa indiana che vuole accusare i nostri marò applicando il Sua Act, la legge antipirateria che prevede la pena di morte. Direi che arrivati a questo punto le parole non bastano più. E’ arrivato il momento dei fatti. E’ giusto che il parlamento italiano faccia la voce grossa, è giusto valutare l’idea di mandare una delegazione, è giusto che si muova anche l’Unione Europea, che si vagli l’ipotesi di fermare i rapporti commerciali. Sono gli italiani a chiedere che si faccia qualcosa. La stampa – continua Gramazio su RomaCapitaleNews – da voce alle preoccupazioni che tutti abbiamo dentro, in particolare il quotidiano “Il Tempo” ha lanciato un’iniziativa volta a chiedere pubblicamente la liberazione dei nostri ragazzi, affiggendo prima uno striscione sulla sua sede di Piazza Colonna a Roma ed oggi chiedendo alla Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini di non esitare e di far affiggere anche lei su Palazzo Montecitorio uno striscione che “urli” che l’Italia rivuole i suoi ragazzi. Appello questo che mi sento di sostenere completamente. E’ infatti – conclude Gramazio su RomaCapitaleNews – arrivato il momento di fare tutto il possibile, tutto quanto è nelle nostre facoltà, senza lasciare nulla di intentato, per riportare Massimiliano Latorre e Salvatore Girone dalle loro famiglie.”

 

 

 

 

Sheyla Bobba

Classe 1978. Un giorno ha pensato che SenzaBarcode era il nome giusto per definirsi, poi ha fondato il sito. Qualche tempo dopo voleva una voce, e ha fondato la WebRadio. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

2 pensieri riguardo “Maro’, Gramazio (FI): “gli italiani li vogliono a casa”

  • 30 Gennaio 2014 in 9:02
    Permalink

    Un anno e mezzo fa, prima che l’ufficio del Comune smettesse di lavorare, fu organizzato lo sgombero di un abusivo. Tutto era pronto. Ma Luca Gramazio – ora capogruppo Pdl in Regione, figlio di Domenico detto «er Pinguino»- si piazzò davanti alla porta minacciando una resistenza a oltranza raccontano dall’Ater. I vigili tornarono al comando. Per quel giorno non se ne fece niente. 23.8.13.corriere dela sera-roma

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: