M5S Lazio: no ai nuovi finanziamenti dei gruppi

Il gruppo consiliare del M5S Lazio ha stabilito nel corso della riunione settimanale dei consiglieri che non si avvarrà dei nuovi fondi stanziati per i gruppi consiliari e della possibilità di assumere nuovo organico come supporto al capogruppo.

6148

Il fondo destinato all’assunzione di personale per i gruppi è stato aumentato di circa 20.000 euro per ogni consigliere, ben oltre il limite fissato dal decreto 174 del 2012 (Spending Review). Un limite ribadito nella conferenza dei presidenti dei consiglieri regionali e delle province autonome che cercava di mettere freno allo sperpero di denaro pubblico per l’attività consiliare. Per questo motivo il M5S Lazio si rivolgerà agli organi competenti di controllo della spesa pubblica per sollecitare una risposta chiara sull’effettiva ammissibilità della delibera in oggetto.

Anche la nuova possibilità data ai gruppi consiliari di creare una struttura di diretta collaborazione formata da 3 persone a supporto dell’attività del capogruppo è giudicata dal M5S Lazio come una misura “ad hoc” per aggirare le norme sulla Spending Review con un aggravio per le casse regionali di 1.600.000 euro annui per il suo funzionamento. Anche in questo caso il M5S Lazio non se ne avvarrà e si riserva di sollevare il caso in tutte le sedi competenti.

Per quanto riguarda il famigerato fondo per “rapporto eletto-elettore” che è stato già versato nelle casse del gruppo e che ammonta a più di 44.000 euro, i portavoce invieranno una comunicazione alla Presidenza del Consiglio per conoscere le modalità e procedere alla sua restituzione.

In un contesto socio-economico così drammatico, il M5S Lazio crede, come più volte denunciato pubblicamente, che la prima a dover subire dei tagli debba essere la politica e spera che le altre forze operanti all’interno del Consiglio Regionale condividano il suo metodo e le sue finalità, ponendo fine alla pessima abitudine che ha fino ad oggi contraddistinto la classe politica.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: