Giornata della donna, Iraq/Iran: Radicali a sostegno dei profughi mujaidin ristretti a Camp Liberty a Bagdad

giornata-internazionale-per-leliminazione-del-L-lJoPwAGiornata della donna, Iraq/Iran: Radicali a sostegno dei profughi mujaidin ristretti a Camp Liberty a Bagdad

Venerdì 25 Ottobre 2013 in occasione della giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne alle ore 11:00 presso la sede del Partito Radicale via di Torre Argentina 76 (terzo piano) si terrà una conferenza stampa sul “La persecuzione delle donne della resistenza iraniana a Camp Ashraf e Liberty e la lotta nonviolenta”. Saranno presenti: Elisabetta Zamparutti, tesoriera di Nessuno tocchi Caino; Antonella Casu, Tesoriera di Non c’è Pace senza Giustizia; Marco Perduca, vice presidente del senato Partito Radicale; Fride Karimi, reponsabile Commissione diritti umani del Consiglio resistenza iraniana; Reza Olia, artista e componete il Consiglio resistenza iraniana
Il 1° Settembre scorso, durante un attacco delle forze irachene a Campo Ashraf, sono stati uccisi 52 residenti inermi tra i quali 6 donne. Altri 7 residenti sono stati presi in ostaggio e di questi 6 sono donne. In occasione del 25 novembre “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” verrà dato conto delle forme di violenza e persecuzione di cui sono state vittime nell’ultimo anno le donne della resistenza iraniana che risiedono a Campo Ashraf e a Camp Liberty in Iraq. Durante la conferenza stampa si darà conto anche delle dure iniziative nonviolente in corso da oltre 50 giorni da parte di appartenenti alla resistenza iraniana per una soluzione politica del loro caso.

Per informazioni: tel 0668979202/335 8000577

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: