Referendum, come si arriva al voto partendo dalle firme

Si fa presto a dire Referendum! ma come funzionano? qual’è l’iter dalla presentazione dei quesiti? Come si raccolgono le firme? E dopo, cosa si fa con i faldoni? Come si arriva alla casella SI e NO? Navigando in rete mi sono accorta, specialmente tra i giovanissimi, che ci si pone spesso una domanda “ma per il referendum quando votiamo?” E’ chiaro che c’è una disinformazione di fondo.

referendum

SenzaBarcode sto parlando molto di campagna referendaria e raccolta firme, i pacchetti che il Partito Radicale ha proposto sono due: il primo “Cambiamo Noi” è partito sabato 8 giugno, i quesiti sono  il Finanziamento pubblico, L’otto x mille, Immigrazione, Droghe e il Divorzio breve, il quesito che maggiormente seguiamo data la nostra sezione apposita. Il secondo pacchetto, “Giustizia Giusta” che partirà il 16 giugno, con primo evento a Napoli, è composto da sei quesiti: la Responsabilità civile dei magistrati, la separazione delle carriere dei magistrati,  no all’abuso della custodia cautelare,  abolizione dell’ergastolo e magistrati fuori ruolo.

I referendum non possono avere una cadenza specifica come le altre elezioni, questi devono essere indetti previa raccolta firme. Partiamo dal significato, un referendum è un istituto giuridico in virtù del quale il popolo viene chiamato alle urne per esprimersi su questioni istituzionali e politiche essenziali, esistono tre tipi di referendum:

  1. Abrogativo, per abrogare per intera o in parte una legge
  2. Propositivo, per avanzare proposte di legge
  3. Consultivo: per consultare il popolo e avere un opinione su una legge che si intende fare. Non ha valenza legale ne vincolante.

I pacchetti su citati sono referendum abrogativi. I quesiti vengono dapprima stesi e perfezionati, successivamente consegnati in Corte di Cassazione da un comitato costituito appositamente. Dall’inizio della raccolta, ossia dalla data del primo modulo vidimato, si hanno tre mesi per raggiungere le 500.00 firme autenticate. Questa la prima delle forme che vanno rispettate: l’autenticazione. Si intende il timbro tondo, il timbro con il nome e la qualifica, data e luogo della vidimazione e firma dell’autenticatore –lista delle persone autorizzate– il cittadino che desidera firmare deve presentarsi al tavolo munito di documento d’identità, chi raccoglie le firme userà un modulo per i residenti della città che li ospita e uno differente per i non residenti.

Raggiunto il numero di firme richieste si procede alla raccolta dei certificati elettorali, per verificare che chi ha firmato ha realmente la possibilità di partecipare al successivo, eventuale, referendum; per questo motivo va sempre raccolto un numero superiore di firme. A questo punto il faldone contenente firme autenticate e certificati elettorali, viene consegnato per i controlli di legittimità:

  1. presso la Corte di Cassazione, che provvederà ad un controllo formale, proprio della forma
  2. presso la Corte Costituzionale,  dovrà decidere se la richiesta referendaria riguardi o meno le leggi previste nell’art. 75 Cost.” (artt. 32 e 33)

I quesiti referendari superstiti vengono portati alle fasi successive: la campagna elettorale e la decisione della data del tanto sospirato referendum.

Arrivati al voto siamo all’ultimo ostacolo, ossia il quorum, il 50%+1 degli aventi diritto deve recarsi alle urne, se non raggiunto il referendum abrogativo non sarà ritenuto valido, non verrà data nessuna seconda possibilità e non sarà più possibile presentare gli stessi quesiti per 5 anni. La maggioranza dovrà essere semplice.

In caso di vittoria sarà riportato sulla gazzetta ufficiale e sarà soddisfatto il quesito, abrogando interamente o in parte una legge.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: