Farfalle Azzurre, Carlo Ravaioli racconta Smeagol

Body shaming e violenza psicologica, le Farfalle che ci hanno portato sul tetto del mondo hanno rotto il silenzio. La testimonianza dello scrittore Carlo Ravaioli, l’atleta “quasi olimpico”.

Nina Corradini, ex atleta olimpica, ha scoperchiato il vaso di Pandora e ora è impossibile rigettare dentro tutto. Abusi fisici e psicologici, body shaming e uno “smeagol” sempre pronto a distruggere le certezze delle atlete. Fatti di una gravità inaudita che portano il rigore dello sport all’esasperazione. Non si poteva fingere che nulla fosse accaduto, tanto che il neo Ministro Nina Corradini è intervenuta subito incontrando il presidente del CONI Giovanni Malagò e il presidente di Federginnastica, Gherardo Tecchi.

Più attuale che mai è il libro di Carlo Ravaioli, Memorie di un ginnasta quasi olimpico (Argentodorato Editore), trovate la sua intervista su WebRadio SenzaBarcode e, sabato 5 novembre dalle 17, sarà possibile incontrarlo alla Libreria Albatros di Cento.

Abbiamo chiesto a Carlo di darci la sua opinione su quanto sta accadendo intorno alle Farfalle e chi è Smeagol

La farfalla è fortemente evocativa. Rappresenta la trasformazione che porta il brutto bruco a diventare la splendida farfalla che vola con grazia e bellezza. Il percorso che porta la goffa bambina a diventare ginnasta di valore olimpico è altrettanto affascinante ma pieno di durezza.

È vero lavoro da minatore l’allenamento delle ginnaste ritmiche e non può prescindere dal rispetto dei terribili canoni estetici che vogliono la donna bella e magra. È in questo vizio della nostra società che si annida la tragedia di ballerine, modelle, ginnaste ritmiche che, se vogliono sfondare sui palcoscenici del mondo devono essere filiformi.

Questo è il cancro della ginnastica ritmica

In ogni sport si devono rispettare dei canoni che spesso, soprattutto quando coinvolgono adolescenti, si trasformano in vere crudeltà perpetrate da quei personaggi che, nel mio libro: ”Memorie di un ginnasta quasi olimpico” ho definito gli Smeagol delle palestre.

Smeagol è un personaggio tratto dal romanzo: “Il Signore degli anelli” di Tolkien e rappresenta la malvagità di colui che, pur di impossessarsi dell’anello che conferisce il potere, è disposto a compiere qualsiasi tipo di scellerataggine. Devo dire che ogni sport ha il proprio Smeagol; esiste la violenza psicologica di allenatrici che ti portano fino all’anoressia, esiste la violenza sessuale che ha condannato il medico della nazionale USA di ginnastica artistica a 175 anni di carcere, esistono sport (non la ginnastica) dove il fenomeno del doping è pratica quotidiana, esistono giovani motociclisti che muoiono, a sedici anni, correndo a trecento all’ora.

In genere, nello sport di livello mondiale esiste la depressione causata da un sistema che, dopo averti portato in vetta, quando le luci si spengono, ti lascia precipitare negli inferi di una vita fatta di soli ricordi e di coppe a far polvere sopra i mobili. Il tasso di suicidi, alcolizzati e vite rovinate tra gli ex atleti penso sia inferiore solo a quello delle Rockstar.

A chi dare la colpa?

Sono coinvolti tutti, in questo meccanismo infernale, tranne gli atleti che, nella loro giovane età, sognano solo di realizzare il proprio desiderio di fare ciò che amano, primeggiare, viaggiare, essere applauditi, essere amati.

L’altra faccia della medaglia è rappresentata da alcuni allenatori senza scrupoli. Non tutti grazie a Dio; nel mio libro ho parlato dei miei Maestri che, oltre ad avermi insegnato la ginnastica artistica, mi hanno anche insegnato a vivere. Fanno la loro parte anche le famiglie che devono assumersi le proprie responsabilità e vigilare su come vengono trattati i propri figli campioni.

Ci sono poi certi dirigenti che, abbandonata la propria insaziabile fame di potere e di denaro, dovrebbero prendere carta e penna e scrivere alla Procura della Repubblica per autodenunciare la propria omertà.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: