La banda della Marana con Federico Capponi

Dal 28 dicembre 2021 al 9 gennaio 2022 La banda della Marana è al Teatro Trastevere. Risate di Natale!

La banda della Marana, di Locci, Trombetti, D’Ostuni Regia Daniele Trombetti. Con Edoardo La Rosa, Federico Capponi, Daniele Trombetti, Daniele Locci, Fabrizio Pallotta, Eugenio Banella, Beatrice De Luigi, Andrea Biciocchi.

Ambientato negli anni novanta presso i sobborghi del litorale romano La Banda della Marana racconta di una batteria di aspiranti criminali che vogliono dare una svolta significativa alle proprie vite. La cosa si dimostra al di là delle loro potenzialità e nel tentativo di portare a segno il colpo, che li avrebbe lanciati finalmente nel mondo della malavita, i protagonisti si trovano a dover far fronte ad una serie di situazioni al di sopra della loro portata. I quattro gangster mancati riescono sempre di più a mettersi nei guai, fino ad arrivare davvero a rischiare le proprie vite a causa della loro incapacità.

La Banda della Marana vuole raccontare uno spaccato di vita delle periferie romane degli anni 90. I protagonisti sul filone del mito della criminalità organizzata usano queste corde per portare in scena con una commedia brillante, dai tempi comici serrati, con delle sfaccettature ben definite in ogni personaggio. Una scenografia curata nei minimi dettagli, dei costumi in linea con i tempi nei quali questa storia è ambientata, renderanno l’esperienza dello spettatore estremamente immersiva, realistica e allo stesso tempo comica ed esilarante.

Teatro Trastevere Il Posto delle Idee. Via Jacopa de’ Settesoli 3, 00153 Roma. Da martedì a sabato ore 21, domenica ore 18. Consigliata la prenotazione. Segui anche I parzialmente scremati.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: