250mila italiani rischiano di rimanere senza cure dentali

Oggi 1 italiano su 4 rinuncia alle cure dentali non potendo affrontare i costi dei dentisti tradizionali. Il Parlamento si appresta a varare la “Legge Dentix”.

Lo scandalo Dentix, il noto franchising di cliniche odontoiatriche con 57 sedi in tutta Italia fallito trascinando con se migliaia di italiani che hanno pagato senza ricevere le cure dentali promesse, rischia di portare alla chiusura di tutte le cliniche “di strada” presenti in Italia e di determinare una crescita dei costi per le cure mediche in capo ai cittadini.

Lo denuncia oggi Consumerismo No profit, che lancia l’allarme sull’emendamento alla Legge Europea presentato dal M5S che permetterebbe l’esercizio dell’attività odontoiatrica soltanto alle Società tra professionisti, annullando quanto disposto dalla Legge per la Concorrenza approvata nel 2017.

Cure dentali in Italia

“In Italia il 23% dei cittadini rinuncia del tutto a farsi curare i denti non potendo far fronte alle spese odontoiatriche – spiega il presidente Luigi Gabriele – Con la pandemia un terzo degli italiani che aveva problemi dentali ha ridotto cure ed interventi, a causa della perdita di reddito registrata durante l’emergenza. Numeri che rischiano di aggravarsi se dovesse diventare legge la proposta avanzata dai parlamentari del M5S (Lorefice, Castelleone, Pirro, Licheri, Ricciardi, Corbetta, Trentacoste, Endrizzi, Giannuzzi e Botto) che, dopo lo scandalo Dentix, mira a vietare in Italia qualsiasi attività che eroghi servizi di cure odontoiatriche al di fuori del dentista tradizionale”.

“Una “legge Dentix” per colmare le lacune e le omissioni di chi non ha saputo fino ad oggi vigilare sul settore e che, se approvata, lascerà scoperti 250mila cittadini che oggi ricevono le cure presso cliniche odontoiatriche in franchising o “di strada”, potendo contare su tariffe più convenienti rispetto lo studio dentistico tradizionale” – aggiunge Gabriele.

Consumerismo No profit chiede dunque al Governo di rivedere con urgenza la legge totalmente sbagliata proposta dal M5S e di giungere ad una norma più coerente alle esigenze dei cittadini, viste le mancanze del servizio sanitario nazionale, anche in previsione della futura legge sulla concorrenza.

Foto di Reto Gerber da Pixabay

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: