Bike sharing fallito, salviamo le “tavolette elettriche”

Benvenuti (Ecoitalisolidale ) il bike sharing ha fallito, necessario riprovare e non far fallire anche le “tavolette elettriche”

A Roma forse è l’unica capitale dove il bike sharing ha fallito, ma entro poche settimane é previsto l’arrivo di 500 monopattini elettrici di una azienda Usa presente in 100 città del mondo, tra cui Lisbona e Parigi e si auspica che anche questo esperimento non sia totalmente fallimentare. È quanto dichiara in una nota Piergiorgio Benvenuti, Presidente Nazionale del Movimento Ecologista Ecoitalisolidale.

In attesa dell’autorizzazione da parte del ministero dei Trasporti stanno per arrivare le prime 500 unità, si auspica che anche Roma come in altre Capitali si possa dare spazio alla mobilità sostenibile, soprattutto per far diminuire traffico e quindi smog nella città, senza dimenticare della necessità di potenziare ed ottimizzare il trasporto pubblico ormai al collasso, le piste ciclabili e di risolvere il problema delle buche.

Oltre a potenziare car pooling e car sharing

e rendere in sicurezza le piste ciclabili, programmare il trasporto fluviale, posizionare adeguate colonnine di ricarica per le auto elettriche, sollecitare un maggior intervento da parte del Mobility Manager di Roma ed un effettivo tavolo con i Mobility Manager delle maggiori aziende presenti nella città, salutiamo positivamente la nuova iniziativa che non deve essere una goccia nel mare, ma all’interno di un piano organico di mobilità sostenibile per la città.

È il momento di cambiare passo –conclude Benvenuti – promuovere ogni iniziativa per incidere positivamente sulla salute dei cittadini e sulla qualità ambientale della Città”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: