700 infermieri del policlinico Umberto I in sciopero

Infermieri e ausiliari esternalizzanti, circa 700 persone, del policlinico Umberto I di Roma sono oggi in sciopero.

Ancora una volta sono le fasce con meno tutele e salari più bassi che rischiano di rimanere senza lavoro. Questa volta parliamo di infermieri e ausiliari della Cooperativa OSA, in servizio al policlinico Umberto I di Roma. La Regione Lazio ha autorizzato l’assunzione di nuovi 200 infermieri che, come dice la delibera, “dovranno consentire proporzionalmente e progressivamente la riduzione delle ore di prestazioni infermieristiche erogate dalla Cooperativa OSA”.

In sostanza le nuove assunzioni tolgono il posto a chi lavora nel nosocomio anche da 15 anni.

I sindacati CGIL, CISL e UIL per voce dei rispettivi Segretari, Natale Di Cola, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini denunciano la situazione e parlano di una ‘guerra tra lavoratori’.

Lo schema sembra essere sempre lo stesso, aizzare una ‘guerra tra poveri’ per gestire la situazione nel modo peggiore e senza compromettersi.

“È inaccettabile che si proceda a colpi di delibere unilaterali, quando giusto pochi giorni fa di fronte al prefetto di Roma, dove peraltro siamo stati convocati per difendere i salari e la tredicesima degli stessi lavoratori, si era deciso di istituire un tavolo tecnico tra Regione, policlinico e sindacati per gestire una vicenda già esplosiva” dicono i segretari Generali dei sindacati.

Non vi è solo il rischio di veder saltare l’erogazione degli stipendi del personale e che centinaia di lavoratori e professionisti perdano il posto di lavoro. Lo sciopero e le agitazioni possono ingolfare la struttura e tutte le attività mediche del storico policlinico, in un momento delicato tra mali di stagione, carenza di personale e aumento della popolazione cittadina nel periodo delle festività natalizie.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

Un pensiero su “700 infermieri del policlinico Umberto I in sciopero

  • 25 Gennaio 2019 in 14:21
    Permalink

    In base al principio costituzionale sancito dall’art. 97 comma 4 della Costituzione, le assunzioni nel pubblico impiego avvengono tramite pubblico concorso.
    Devono essere assunti prima gli idonei in graduatoria.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: