FIDU, Diritti Umani e progetto YE4E

Firmato accordo tra Federazione Italiana Diritti Umani e Sustainable Development School della Cooperativa Camelot a Milano. Youth Empowerment for Environment – YE4E.

Il progetto Youth Empowerment for Environment – YE4E, presentato anche in Senato, è finalizzato a realizzare centinaia di climate actions sul territorio nazionale, grazie a un format educativo che ribalta i paradigmi dell’insegnamento, ponendo gli studenti al centro di un’offerta formativa basata su 3 pilastri: mindfulness, arte e creatività digitale.

“La Federazione Italiana Diritti Umani – dichiara Antonio Stango, Presidente della FIDU – è impegnata per la tutela e la promozione dei diritti umani nel mondo. Quello a un ambiente sano e salubre è un diritto importante per il quale è urgente fare avanzare sia il quadro giuridico nazionale e internazionale che la consapevolezza, e a questo stiamo lavorando con la Commissione Ambiente e Innovazione costituita a luglio scorso e già molto attiva”.

Il progetto con le scuole è “una sperimentazione che vuol dar potere ai giovani italiani, attraverso l’arte di prendersi cura del Pianeta – dichiara Claudia Laricchia, Presidente della Commissione Ambiente e Innovazione.

Siamo i primi a portare in Italia Greta Thunberg, la 15enne svedese icona dell’attivismo ambientale e volto del nostro manifesto, realizzato appositamente per la FIDU da No Curves, uno tra i tape artist più noti che, solo per citare alcuni dei suoi più recenti progetti, ha realizzato la copertina dell’ultimo album degli Skunk Anansie e aperto con un suo quadro la mostra su David Bowie del Museo Mambo di Bologna“.

Il progetto YE4E partirà da Milano ed è finanziato dalla vendita del gioiello “no Planet B” di Arte Facta, ispirato al manifesto FIDU di Imaginarium Creative Studio.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: