Bruno Maccallini al Teatro Cometa con Grotesk

Bruno Maccallini, presenterà in prima assoluta al Teatro della Cometa dal 25 aprile al 6 maggio, il suo ultimo spettacolo Grotesk! Ridere rende liberi, ispirato ai protagonisti del cabaret berlinese tra le due guerre.

Grotesk, un mood, un timbro, un carattere e molte scene disseminate nella Berlino di Weimar. Un conférencier irriverente e mordace, un provocatore irresistibile, un’eccellenza della risata, dello sberleffo, del ghigno satirico. Il suo personaggio dà figura all’humour agro che aveva contribuito a fare del Kabarett berlinese uno spazio di libertà e di critica sociale. È lui a incarnarne al meglio lo spirito. Bruno Maccallini è un artista, un po’ mago, un po’ prestigiatore, o forse, più che un personaggio, è solo una parte in commedia, magari un imbroglione, un mestatore che dispensa storie scaturite dagli autori più graffianti dell’epoca weimariana. Aggredisce il pubblico con le contestazioni radicali di Walther Mehring, lo spiazza attraverso i paradossi del grande Tucholsky, lo blandisce al suono delle musiche di Kurt Weill e Friedrich Holländer.

Maschera mobile che registra puntuale tutti gli umori, il Nostro vive gli anni ruggenti in cui la scena del Kabarett rivela sempre più il volto d’una Germania democratica, radicale e antimilitarista

E li vive tutti, dall’inizio tempestoso al disastro finale, quando Berlino sprofonda dentro il nazismo, con lo stesso humour inossidabile si affaccia agli orli del baratro spalancato dal regime finché non ne è a sua volta inghiottito. Indossando di volta in volta i panni del comico, del conferenziere, del mentalista, destreggiandosi fra musiche complici e testi esilaranti, non smette mai di aggredire il comune buonsenso, di denunciarne il vuoto che nasconde. Grotesk si fa modello ineguagliato di un «campo di battaglia – come sognava Holländer – su cui con le sole armi pulite delle parole giuste e della musica si possono distruggere le armi d’acciaio».

Da sempre attratto dagli spettacoli di Kabarett nella Berlino degli anni 20-30 in tutti i suoi ambiti, dall’intrattenimento alla satira socio-politica, Maccallini sarà in scena con tre musicisti. Firma anche il copione insieme ad Antonella Ottai (Dip. Storia dell’Arte e dello Spettacolo dell’Università “Sapienza” di Roma ) e la regia. Lo spettacolo si avvale della preziosa collaborazione di Luca Ruzza per l’impianto scenico (docente di Scenografia virtuale alla “Sapienza” e grande esperto di nuove tecnologie digitali), di Alexandra Stelzer per i costumi (mente creativa nonché fondatrice della casa di moda DeCall) e di Maurizio Montobbio per le luci (già lighting designer de l’Opéra National de Paris e del Crazy Horse).

Bruno Maccallini Attore, autore, regista, produttore

Nato ad Avezzano, diplomato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, già attore, autore, produttore e regista di teatro in Italia, è protagonista di film di successo in Germania, dove gode di una vasta popolarità (è uno dei volti italiani più amati nei paesi di lingua tedesca). Ha anche firmato e diretto numerosi documentari per la televisione italiana e tedesca con la sua Società MAC PRODUZIONI Srl (oltre 60 ore per la Rai).

Negli ultimi anni per Ullstein Verlag ha pubblicato con la sua ex compagna, l’attrice Jutta Speidel, quattro libri di successo, balzando in poche settimane ai vertici delle classifiche dei tascabili più venduti in Germania con oltre 200.000 copie. Per Piper – Malik ha scritto un libro sulla provincia italiana e per Christian Verlag un fortunatissimo libro di ricette.

Nel 2014 è stato insignito del Premio “Tourism Ambassador” dalle Associazioni Travel Industry Club e ITB di Berlino. Bruno Maccallini ha 58 anni, parla l’inglese e il tedesco. Vive tra Roma e Monaco di Baviera.

Teatro della Cometa  – Via del Teatro Marcello, 4 – 00186

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: