Alanis Morissette torna in Italia al Roma Summer Fest

Alanis Morissette, dopo sei anni di assenza dalle scene italiane, torna il 9 luglio per un concerto all’Auditorium Parco della Musica.

Sarà un grande appuntamento quello del 9 luglio 2018, alle ore 21. Dopo 6 anni torna in Italia Alanis Morissette, nella cornice della Cavea dell’Auditorium Parco della Musica a Roma. Roma Summer Fest, il nuovo Festival estivo della Fondazione Musica per Roma, ha già iniziato a calare i suoi assi. Ai grandi nomi annunciati nel giorni scorsi, tra cui Patty Smith, Gigi Proietti, Sting, Ringo Starr e Stefano Bollani Quintet, si aggiunge ora quello della cantautrice canadese. Salgono così a 14 gli artisti confermati, ma è solo l’inizio di una stagione estiva che si prospetta ricca di annunci e con una strepitosa offerta artistica.

Alanis Morissette nasce il 1 giugno 1974 nella città di Ottawa, in Canada

Il suo talento sboccia prestissimo, con la sua prima canzone, Fate Stay With Me, arrivata quando lei aveva solamente nove anni. L’anno successivo partecipa alle audizioni di uno show canadese per bambini e passa le selezioni insieme al fratello gemello Wade. Compare in questo format televisivo con una certa frequenza, ma lo abbandona subito dopo la prima stagione. Compiuti 11 anni, Alanis pubblica Fate Stay With Me in un 45 giri autoprodotto e grazie a questo viene notata da Steven Klovan. Nel 1988 è lei a cantare l’inno nazionale canadese all’inaugurazione dei campionati mondiali di pattinaggio di figura.

Che fosse nato uno straordinario talento era chiaro, e per questo Alanis Morissette cerca di farsi strada nel mondo della discografia. Così, nel 1990, firma un contratto con la MCA Records, e pubblica il suo primo album, Alanis, l’anno successivo. Album che vince il doppio disco di platino in Canada, con il primo singolo, Too Hot, nella Top Ten canadese. Con la stessa etichetta pubblicò, nel 1992, Now is the time, suo secondo album, che però non ottiene il successo sperato. Con sole cinquantamila copie vendute, perde il contratto con la sua casa discografica. Questo insuccesso spinge Alanis Morissette a trasferirsi per trovare nuovi contatti discografici e a Los Angeles conosce Glen Ballard.

Questo incontro risulterà molto fortunato per la carriera di Alanis e segnerà una forte crescita personale ed artistica della cantautrice

I due si mettono subito al lavoro e il primo risultato è Perfect, scritta e registrata in venti minuti. Segue poi un intenso lavoro di scrittura da parte dell’artista. La Morissette riversa su carta ogni sua emozione, ogni suo desiderio, anche il più intimo e, incoraggiata da Ballard, risulta molto autobiografica nella creazione dei suo brani. Il risultato è Jagged Little Pill, album in cui Alanis Morissette mette tutta se stessa. L’amore per la vita contenuto in You Learn, le sue infatuazioni in Head Over Feet e i più brutali desideri di vendetta in You Oughta Know. Tutte canzoni nate da esperienze personali. Jagget Little Pill, pubblicato nel 1995, è il primo album internazionale della cantautrice canadese, edito da Maverick Records, la casa discografica di Madonna. Resta in classifica per più di un anno, anche grazie al brano Ironic, primo vero successo di Alanis.

Un successo senza precedenti, con 16 milioni di copie vendute solo negli Stati Uniti, e più di 30 milioni di copie nel mondo

Inizia così un lunghissimo tour mondiale durato un anno e mezzo, a supporto di Jagget Little Pill. Questo meraviglioso viaggio in musica viene poi raccontato nel dvd Jagged Little Pill Live, vincitore di un Grammy nel 1997. La sua carriera, oramai decollata, le permette di fare numerose esperienze, anche molto diverse tra loro. Nel 1998 registra e produce Ununvited, brano contenuto nella colonna sonora del film La città degli angeli e nello stesso anno collabora di nuovo con Glen Ballard. Stavolta decide di farlo non solo in veste di autrice, ma anche di produttrice, e il risultato è un album sperimentale, Supposed Former Infatuation Junkie. Considerato un flop dalla critica, vende 10 milioni di copie in tutto il mondo e dopo sole 38 settimane, l’album è già fuori dalla top200 degli album più venduti.

Seguirono anni di assenza e rinvii, fino al 2002, anno di uscita del suo terzo album, Under Rug Swept, che la vede unica autrice e produttrice. Ottiene delle buone vendite e uno Juno Award come produttrice dell’anno. Seguono anni di transizione e di parziale allontanamento dalle scene, in cui Alanis Morissette pubblica una raccolta per il decennale della sua carriera, The Collection, e lavora a colonne sonore e cover. Nel 2008 pubblica un nuovo album, Flavors of Entanglement, con suoni più duri ed elettronici, e annuncia la pubblicazione di una sua autobiografia.

Il vero ritorno nel panorama musicale avviene nell’agosto nel 2012 con Havoc and Bright Lights

Ad oggi questo è l’album più venduto nel mondo durante la prima settimana di uscita. In italia rimane stabile al primo posto in classifica per tre settimane consecutive. A luglio dello stesso anno Alanis Morissette arriva in Italia per quattro concerti in cui è possibile ascoltare alcuni nuovi brani in anteprima. A distanza di 6 anni e dopo la pubblicazione di un’edizione speciale di Jagged Little Pill per il ventesimo anniversario, la cantautrice canadese torna nel nostro Paese per un esclusivo concerto. 14 Canadian Juno Award, 7 Grammy, 60 milioni di dischi venduti. Sono solo alcuni dei numeri di questa fantastica artista che avremo il privilegio di ascoltare all’Auditorium Parco della Musica di Roma, dove si esibirà con i suoi successi e la sua voce unica.

I biglietti sono disponibili dalle ore 10 di mercoledì 21 febbraio su TicketMaster e TicketOne 

Giuseppina Gazzella

Classe 1984, marchigiana di nascita, cittadina del mondo per natura. Scrive e canta con la consapevolezza, la voglia e la pretesa di fare meglio ogni giorno, e di crescere sempre, perché sentirsi arrivati equivale all’essere morti.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: