Presentato al Contesta Rock Hair Sogni a orologeria

Applausi per Sogni a orologeria, la vera storia dell’attore francese Philippe Boa. Cortometraggio ideato dal giovane Vito Loprete e firmato da Francesco Colangelo.

Cos’è successo all’attore francese Philippe Boa dopo il grande successo che lo ha visto protagonista di fiction e film come “Il mercante di stoffe”, “Un caso di coscienza” e “Il maresciallo Rocca” per diverse stagioni? Cosa accade nella vita di un personaggio famoso quando si spengono i riflettori?  Lo racconta un cortometraggio di grande qualità, ideato, prodotto e interpretato dal giovane Vitaliano Loprete, e firmato e sceneggiato dal bravo Francesco Colangelo che attraversa con raffinata delicatezza, grande sensibilità e intelligenza temi come l’amicizia, la solidarietà, l’amore tradito, il desiderio di morte e la rinascita.

Il corto, presentato ieri al Contesta Rock Hair, marchio italiano dall’anima rock e dall’identità distintiva, che conta undici saloni dedicati all’ hair styling,  anche singolare location delle riprese, è stato girato interamente a Roma.

Oltre al protagonista, Philippe Boa, che recita se stesso, la pellicola è interpretata da un cast di giovani attori di assoluto talento come Enrico Oetiker, reduce dal successo del film “Se Dio vuole” con Gassman e Giallini, Alessandro Massini, Georgia Manci, Veronica Bettarelli, Alessandro Coppola, Daniela Ayala, Ivo Ambrosi, Giuseppe Vancheri, la ballerina della Rai, Miriam Della Guardia. Straordinaria la fotografia, a cura di Federico Annicchiarico, e suggestive le musiche del cantautore The Niro.

Applausi da tutto il pubblico presente e, oltre al cast, dal gruppo di amici vip che non sono voluti mancare alla serata capitanati dagli attori Anna Vinci e Gianguido Baldi e dal cantante Jimmy Ingrassia.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: