Il TRI(o)KALA, Jazz e Arti al Parco delle Terme di Roma

XVI° Along Came Jazz,  il 13 luglio il TRI(o)KALA al Parco delle Terme di Roma, durante la II° edizione del Festival delle Arti Tivoli Chiama.

Quando la musica si mischia all’amicizia, quando le note si intrecciano con i sentimenti, ecco che nasce il TRI(o)KALA. Dopo molti anni di palcoscenici condivisi insieme a formazioni che li hanno visti accompagnare grandi artisti, Rita Marcotulli al pianoforte, Alfredo Golino alla batteria e Ares Tavolazzi al contrabbasso hanno deciso di unirsi per divertirsi e regalarci forti emozioni.
Non basterebbe un’enciclopedia per scrivere le loro biografie e le loro partecipazioni ai grandi progetti di musica pop italiana.

Il TRI(o)KALA è un discorso sul Pop che si trasforma magicamente in Jazz; questo è il mood che accompagna le note del CD in produzione, in uscita all’inizio del 2016.
Il Trio interpreta grandi brani pop rivisitati in chiave unica, con sonorità nuove che solo tre artisti di questo calibro riescono a dare.

Si potranno inoltre ascoltare brani inediti scritti da loro.

Rita Marcotulli

Allieva del Conservatorio Santa Cecilia e del Conservatorio Licinio Refice e sorella della cantante jazz, Carla Marcotulli, Rita Marcotulli comincia a suonare professionalmente all’interno di piccoli gruppi negli anni settanta e Rita Marcotullisuccessivamente inizia a collaborare con svariati artisti internazionali come Chet Baker, Jon Christensen, Palle Danielsson, Peter Erskine, Steve Grossman, Joe Henderson, Helène La Barrière,Joe Lovano, Charlie Mariano, Marilyn Mazur, Pat Metheny, Sal Nistico, Michel Portal, Enrico Rava,Dewey Redman, Aldo Romano, Kenny Wheeler, Norma Winstone. Nel 1988 si trasferisce in Svezia, dove rimane fino al 1992. Tornata in Italia collabora fra gli altri con Ambrogio Sparagna e Pino Daniele e nel 1996 accompagna Pat Metheny in un’esibizione al Festival di Sanremo.

Più recentemente ha partecipato alla realizzazione del film Basilicata coast to coast, per il quale si è occupata della colonna sonora. Grazie a questo lavoro la Marcotulli ha ricevuto il Ciak d’oro nel 2010, il Nastro d’argento alla migliore colonna sonora nello stesso anno, il David di Donatello per il miglior musicista nel 2011 (prima donna in assoluto a ricevere questo riconoscimento) e il Premio Top Jazz 2011 come miglior artista del jazz italiano secondo la rivista Musica Jazz. Nel febbraio 2013 è membro della giuria di qualità alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, condotta da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto.

Alfredo Golino

Alfredo Golino napoletano di nascita e di estrazione musicale, nel senso che Napoli è sempre stata la madre della natura ritmica Italiana e che ha regalato, grazie alla sua profonda tradizione musicale, talenti artistici di grande livello.

Sotto la guida di suo padre e insegnante Antonio Golino, Alfredo intraprende la sua carriera molto presto, già a 17Alfredo Golino anni ha alle spalle esperienze importanti, prima alla base NATO di Napoli dove arrivavano dall’America tutti gli artisti più importanti, poi ingaggiato per le varie produzioni RAI di Napoli e inserito nell’orchestra in cui si alternavano direttori e maestri i cui nomi hanno fatto la storia della musica Italiana, e che individuato il talento lo hanno fatto proprio.

Nel 1980 vince il concorso per entrare a far parte dell’orchestra Rai di Milano, citta’ in cui si trasferisce.
Nel 1989 lascia la Rai perchè la sua carriera comincia ad aprirsi a partecipazioni europee, da qui vari tour internazionali con formazioni jazz, fusion, tour con artisti, ecc…, che lo consacreranno definitivamente come musicista di fama internazionale, e da qui le varie sponsorizzazioni a livello mondiale con i più grandi costruttori della industria di strumenti musicali.

Nel 1996 Alfredo lascia il gruppo. La sua collaborazione con Giulia Fasolino, Charlie Cinelli e Gogo Ghidelli,continua e insieme fondano la “Cambiomusica”, scuola ed edizione musicale, che porterà risultati eccellenti a livello editoriale e didattico. La “Cambiomusica” diventa editore e coeditore di grandi artisti italiani e non (Mina, Celentano, Renato Zero, Monica Naranjo, ecc…), e la scuola sforna allievi che si inseriscono nel panorama musicale italiano, sia nella discografia che in formazioni jazz che in tour (883, Raf, De Gregori, Antonella Ruggero, Finardi, Fiorello, Gianluca Grignani, Elisa, Ciffarelli, ecc…)

Ares Tavolazzi

Studia violoncello e contrabbasso presso il conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara. Durante gli anni ‘70 lavora come sessionman a Milano per numerose etichette discografiche, registra con Francesco Guccini, è presente alle registrazioni di tutta la sua discografia e partecipa dal 1984 al 2004 a circa 700 concerti live. Con Paolo Conte Ares Tavolazziregistra 5 long playng e partecipa a molti concerti live. Collabora inoltre alle registrazioni di: Eugenio Finardi, Alberto Camerini, Miriam Makeba, Lucio Dalla, Mia Martini, Teresa De Sio, Lucio Battisti, Mina, I Giganti, Vinicio Capossela, Massimo Ranieri, ecc…. Nel 1974 entra a far parte del gruppo storico d’avanguardia AREA (Patrizio Fariselli, Demetrio Stratos, Giulio Capiozzo e Paolo Tofani) e vi rimane fino al 1982 registrando con il gruppo oltre 10 L.P. e partecipando a numerose manifestazioni in Italia (circa 800 concerti in 8 anni) e internazionali: (Festival Internazionale a Cuba, Festival do Avante a Lisbona, Festival de l’Humanitè a Parigi).

Durante gli anni ‘80 si avvicina alla musica jazz. Trascorre un periodo di tempo a New York frequentandone l’ambiente jazzistico.

Questa esperienza lo porterà definitivamente ad occuparsi di improvvisazione. Al ritorno partecipa ad una tournèe italiana con l’orchestra di Gil Evans, con Pietro Tonolo, Steve Lacy, Ray Anderson, Lew Soloff, John Clark. Negli anni 83/84 è in tour con Kenny Wheeler, Bruno Cesselli Slatko Kaucic e Mauro Negri. Collabora negli anni a diversi lavori teatrali componendo e suonando dal vivo,con la Fondazione Teatro di Pontedera (”Ruth” regia di Silvia Pasello, “Il Cantico dei Cantici” regia di Silvia Pasello, ”Aspettando Godot” regia di Roberto Bacci, “ Mutando Riposa” regia di Roberto Bacci, “Amleto” regia di Roberto Bacci).

Ha insegnato nelle seguenti scuole: C.P.M di Milano,la Pera di Bologna, Charlie Chaplin di Ferrara, C.D.M. di Rovereto, Container di Bologna, Conservatorio Mascagni di Livorno. Ha tenuto diversi seminari in tutta Italia (seminario jazz 2008/2009 a Merano, seminario jazz 2007/2009 a Fara Sabina). Attualmente svolge attività di insegnamento presso il Conservatorio G.B. Frescobaldi di Ferrara nell’ambito del triennio Jazz. Tiene seminari sul ritmo per attori teatrali “Il codice del ritmo” a Pontedera (Fondazione Pontedera Teatro) e Matera (Teatro dei Sassi).

Along came Jazz è una manifestazione realizzata grazie al sostegno della Società Acque Albule Spa e alla collaborazione con il Comune di Tivoli, nell’ambito della manifestazione Tivoli chiama.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: