Daniele Groff, Bellissima la Verità

Daniele Groff, “Bellissima la verità, è una canzone importante” Dopo un intenso periodo di ricerca musicale e personale, di scrittura e di produzione torna sulle scene con il singolo Bellissima la verità.

“Bellissima la verità, è una canzone importante – spiega Daniele Groff. Importante per me che me ne prendo cura da più di qualche anno, che ha viaggiato per l’Europa, che racconta un percorso, che mi ha fatto tornare a sognare, con il suo essere naïf, con la sua energia, con i suoi colori, che vuole arrivare in mezzo alla gente, dentro gli sguardi, fra le pieghe delle vite degli altri, a cambiare l’umore di una giornata no, a smuovere i pensieri, a farsi mille domande, a far muovere le gambe e battere le mani, a strappare un sorriso. E’ importante perché mi ha accompagnato in questi anni di ricerca avventurosa, di frastuoni e di silenzi, facendomi sempre sentire la sua voce e guidandomi sicura verso la luce forte di una nuova ripartenza e di nuovi orizzonti.

“Bellissima la verità” è un pezzo di vita, un po’ della mia e molto di quella che respiri negli altri, in chi ami, in chi ti sta intorno, di quella che vorresti, di quella che hai nel cuore.

C’è il mistero, c’è che stasera va così ma domani andrà meglio, c’è che non sappiamo niente, c’è una madre che canta que sera sera, ci sono montagne da scalare e fiumi in cui scorrere, demoni da affrontare, paure da superare e con cui convivere, vicoli bui, domande e risposte, dubbi e speranze, nostalgia e presenza, tesori sommersi e vele bianche spiegate per salpare ancora”.
“La bellezza è verità, la verità è bellezza” (John Keats)

Daniele Groff, cantante, compositore, autore, pianista e polistrumentista, racconta così la sua assenza in questi ultimi anni: “Mi ero spento: letteralmente da Daniele Groff, a Gr…off !

Metà anni 2000, ultimo disco. Nonostante l’oceano di abbracci di Sei un Miracolo, l’energia sonora di Come sempre (al crepuscolo del Festivalbar), l’esagerata avventura internazionale in terra di Francia, i riconoscimenti americani conquistati con Morning, i concerti negli stadi grazie a Mr. Bryan Adams e Renato Zero, nonostante tutto ciò possa sembrare davvero molto, io cercavo ancora me stesso e la giusta via, fra le ombre e i vicoli della paura, sulle strade ripide di questa pianura, avendo perso di vista la seconda stella, quella che poi giri a destra e trovi il cammino.

Così, mi sono fermato, ho sbattuto gli occhi e mi sono guardato allo specchio -continua Daniele Groff-.

Sta di fatto che c’era questo wonderwall, questo muro delle meraviglie…e ho sentito il bisogno di provare ad andare oltre, superarlo, proseguire con la mia strada; volevo migliorarmi, crescere, scrivere canzoni più grandi e vestirle con il suono del qui e ora, sentirmi pronto per ripartire, degno di strillare al mondo una canzone, di sussurrarne al vento le parole.

Cercavo qualcosa che riaccendesse la fiamma, che mi facesse sentire riconoscente e vivo, qualcosa che risvegliasse il sogno e insieme la voglia di affrontare la realtà.

2015, nuovo disco… Ci sono voluti 7 anni, 7 come i cicli della vita, come gli anni in Tibet di Brad Pitt, come quanti ne ho aspettati prima che lei mi dicessi sì o come quelli che avevo quando mi sono rotto un braccio, 7 come le meraviglie del mondo, come il giorno del mio compleanno, come la vita che ci è voluta prima che questo nuovo disco si decidesse ad uscire allo scoperto, a denudarsi, a mettersi in mostra, a fare l’operaio, 7 anni per fare sul serio, ripartire da dove eravamo rimasti, cambiare le cartucce dell’inchiostro e le batterie della sveglia, lacerarsi – anche il tendine d’Achille – e ritornare più forte per vedere l’effetto che fa.”
Daniele Groff esordisce discograficamente nel 1998 con l’album Variatio 22 e, con il singolo Daisy, vince l’edizione di quell’anno di Sanremo Famosi. Dopo Daisy, altri 4 singoli di successo: Io Sono Io, Lamerica (brano scelto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per la campagna sulla prevenzione dell’Aids del ’99), Adesso (5° posto Sanremo 1999) e Everyday (scelto da Leonardo Pieraccioni come leit motiv del film Il Pesce Innamorato). L’album Variatio 22, con i suoi 5 estratti, supera le 100.000 copie vendute.

Il 2001 è l’anno della pubblicazione di Bit che, prodotto artisticamente da Daniele Groff e Francesco Valente tra Los Angeles e Roma, vanta gli arrangiamenti d’archi di Wil Malone (già con Madonna, The Verve, Richard Ashcroft, Skunk Anansie, Trevor Horn, Massive Attack, Ub40).

Tre i singoli estratti: l’hit radiofonica If You Don’t Like It (con remix di Gaudi, pubblicato in edizione limitata su vinile), Anna Julia (Festivalbar 2001 – Live dal Teatro Greco di Taormina) e Lory (con la straordinaria partecipazione di Lucio Dalla, autore del testo).

[youtube]https://youtu.be/mXSegGADDwA[/youtube]

Tutti gli otto singoli, tra primo e secondo album, raggiungono la Top 20 Music Control.

Nel 2004 esce Mi Accordo, terzo disco di Groff, che contiene 11 brani di cui cinque in inglese e una nuova importante collaborazione: è infatti Renato Zero, assieme a Vincenzo Incenzo, a firmare il testo di Pensa A Te e ad affiancare Daniele nell’esecuzione vocale del brano.

La produzione artistica dell’album è curata dallo stesso Daniele Groff con il contributo di Marco Bosco e Marco Patrignani mentre gli arrangiamenti degli archi sono di Romano Musumarra già produttore di Pavarotti e Celine Dion.

Il primo singolo estratto, Sei Un Miracolo, viene presentato al pubblico dal palcoscenico del 54° Festival di Sanremo. Il brano va direttamente Top 10 nelle playlist delle radio e porta Daniele ad esibirsi alla presenza del Papa Karol Wojtyla.

Il secondo singolo è Come Sempre con il quale Daniele raggiunge la Finale del Festivalbar 2004 all’Arena di Verona realizzando il video del brano a New York per la regia di Bobby Yan (Alicia Keys). In contemporanea con il suo tour 2004, Groff apre, con uno show di un’ora insieme alla sua band, gli spettacoli di Renato Zero negli stadi sold out di Roma Olimpico, Milano San Siro, Verona e Firenze per un totale di oltre 300.000 spettatori.

Nel 2005 Edoardo Bennato gli chiede di produrre ed interpretare la propria ballata Una Ragazza per inserirla nell’album La Fantastica Storia del Pifferaio Magico assieme ad artisti come Raf, Jovanotti, Irene Grandi, Max Pezzali, Piero Pelù e molti altri.

Con Morning, terzo singolo (primo in lingua inglese) estratto dall’album Mi Accordo, è vincitore negli Stati Uniti dei JPF 2006 Music Awards nella categoria Best Pop Song precedendo nella classifica artisti di calibro internazionale.

Nell’autunno 2006, a fianco dei più grandi cantautori italiani tra i quali Vasco Rossi, Claudio Baglioni, Eros Ramazzotti, Renato Zero, Lucio Dalla, Samuele Bersani, Rino Gaetano, Franco Battiato, partecipa alla compilation benefica per Telethon “Note per la ricerca” con la canzone Sei Un Miracolo.

Nel 2007 esce il singolo Prendimi, realizzato con la partecipazione di Volker Hinkel dei Fools Garden (la band del successo Lemon Tree con oltre 6 milioni di copie vendute in tutto il mondo).

Il brano viene registrato a Stoccarda, missato a Roma da Dario Dendi (tra i suoi crediti Coldplay, Placebo, Stereophonics e The Killers) e masterizzato a Londra da Dick Beetham (Scissor Sisters, Black Sabbath, Enya).

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: