Whistleblowing SenzaBarcode

Venerdì 29 maggio, alle ore 17 in via delle Vergini 18, III piano stanza 327, SenzaBarcode presenta ufficialmente Whistleblowing SenzaBarcode

La nuova sezione del sito che, attraverso Globaleaks, consentirà ai cittadini e dipendenti della Pubblica Amministrazione di segnalare episodi di corruzione o malagestione della Cosa Pubblica.
Globaleaks consente, attraverso il browser TOR, non solo di inviare segnalazioni completamente anonime -è impossibile risalire all’indirizzo IP del segnalante- ma di interagire con il ricevente -la redazione di SenzaBarcode- dando la possibilità di inviare materiale multimediale (pdf, mp3, jpg etc), oltre alla possibilità di verificare lo stato di avanzamento della segnalazione o finanche cancellarla. A supporto della redazione ci saranno legali che vaglieranno le notizie inviate.

Negli USA, grazie ai whistleblower, sono state recuperate circa l’85% delle somme oggetto di frodi, oltre 55 miliardi di dollari dal 1986. Ogni anno queste segnalazioni permettono di recuperare 6 miliardi di dollari. Se questo sistema fosse stato applicato in Italia quale sarebbe stata la sorte di Mafia Capitale e dei suoi protagonisti o dei tanti scandali legati alla corruzione?
E’ su questo interrogativo che SenzaBarcode ha deciso di dotarsi del sistema Globaleaks.

Presenteranno Whistleblowing SenzaBarcode:

Per Centro Studi Hermes per la Trasparenza e i diritti civili digitali: Emmanuele Somma
Per Radical Digital Frontiers: Diego Sabatinelli
Per Trasparency International: Enrico Gallina
Per la parte Legale di SenzaBarcode: Avvocato Alessandro Gerardi
Dal Capidoglio: Fabrizio Ghera capogruppo Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale
Per la parte sindacale
USI: Serenetta Monti
SULPL: Stefano Giannini
Modera il direttore editoriale di SenzaBarcode Sheyla Bobba

Sono stati invitati tutti i rappresentanti politici di Regione e Comune di ogni schieramento e l’Ambasciatore John Phillips

Segui l’evento su Facebook 

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: